Uccide nonna della fidanzata: giovane arrestato a Roma. Motivi di eredità?

Uccide nonna della fidanzata: giovane arrestato a Roma. Motivi di eredità?

ROMA 19 GIUGNO“Guidato dalle voci”. Questa la sconvolgente giustificazione del giovane di 23 anni arrestato oggi a  Roma con l’accusa di aver ucciso Laura D’Argenio, la nonna settantacinquenne della sua fidanzata, trovata morta lo scorso 7 giugno.

Il corpo della donna era immerso nella vasca da bagno nella sua abitazione e presentava alcuni tagli e un laccio al collo. Inizialmente si era ipotizzato un suicidio: accanto alla vasca anche della carta incendiata. Proprio l’odore di fumo aveva portato i vicini ad allertare i vigili del fuoco, autori della macabra scoperta.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay][ad#Aruba PopUnder]

Oggi la clamorosa rivelazione, grazie alle immagini delle telecamere di videosorveglianza dell’appartamento, che hanno permesso anche di ricostruire l’accaduto. Il giovane, presentandosi dall’anziana il giorno del suo compleanno con un pacco, in realtà contenente dell’acido, era riuscito a farsi aprire la porta e ad entrare in casa. L’aggressione era avvenuta subito, con calci e pugni, causando la morte della donna per emorragia interna. L’assassino aveva poi tentato di sciogliere il cadavere nell’acido e di mettere fuoco alla casa, non  riuscendoci.

All’origine dell’omicidio, secondo quanto riportato da Il Messaggero, motivi di eredità: l’anziana aveva infatti intenzione di donare la sua casa ad un’associazione.

Mariangela Celiberti

Leave a Reply

Your email address will not be published.