Brunetta e l’Italia peggiore: “Lo rifarei”

Brunetta e l’Italia peggiore: “Lo rifarei”

ROMA, 18 GIUGNO – Tutto ha avuto inizio martedì, al convegno Nazionale per l’ innovazione nel corso del quale il ministro Renato Brunetta ha definito alcuni precari come “l’Italia peggiore”. Ieri, intervistato ribadisce: “Ma quali scuse è stato un agguato“.

Su Youtube, Brunetta racconta la sua versione dei fatti a mezzo video: “Mentre scendo dal palco vengo insultato, compare uno striscione e cominciano gli spintoni. E’ a questo punto che dico ‘questa è l’Italia peggiore’, cioè l’Italia che approfitta di un disagio vero di tanti giovani per fare azioni squadristiche”.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay][ad#Aruba PopUnder]

Il ministro della Pubblica amministrazione affida a Youtube la sua ricostruzione della vicenda di ieri, quando, a un convegno di Roma si era rifiutato di rispondere alle domande dei precari.  In seguito durante un intervista alla Radio 24 incalza: “Lo rifarei”.

Ieri mattina lancia una nuova versione: “L’Italia peggiore non sono i precari, ma la casta dei privilegiati romani”. Alla fine Brunetta chiede durante un’intervista con Luca Telese, rilancia: “Il nostro governo ha salvato l’Italia”.

Poi infierisce attaccando Maurizia Russo Spena una delle presunte contestatrici: “Figlia di un ex senatore, precaria a 1.800 euro al mese”. Intanto sul profilo Facebook di Brunetta arrivano oltre 10mila insulti per la totale mancanza di stile e di rispetto verso i giovani che cercano lavoro.

VIDEONEWS

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=ZoOiNyR8AlA[/youtube]

Maria Giuseppina Bauleo

APPRFONDIMENTI  Dove sposarsi in Riviera Romagnola: tre destinazioni da sogno

2 Responses to "Brunetta e l’Italia peggiore: “Lo rifarei”"

  1. thoughtbob  2011/06/19 at 06:53

    Non è certo la prima volta che il Sig Brunetta si comporta in questo modo. Dell’episodio si è visto quasi niente, e quel po’ che si è visto, a parer mio, non dava certo adito a cotanta spropositata reazione. Ma come dicevo, tra “fannulloni”, il metodo “della carota e il bastone”, andate a “scaricare frutta alle 5 del mattino”, e infine: “dovevo vincere il (non meglio specificato) nobel”; beh! Non per far la psicologo delle trasmissioni pomeridiane, ma quest’uomo qualche problemino strutturale ce l’ha. Vi ricordate De Gregori: “Cosa vuol dire avere 1 metro e mezzo di statura…”. Capisco sig. Brunetta, ma perché farli pagare a tutti i nostri problemi ?!?

  2. antonio  2011/06/19 at 11:46

    era DeAndre’

Leave a Reply

Your email address will not be published.