Briatore e Santanchè commentano i festini del premier al telefono. Fede furioso

Briatore e Santanchè commentano i festini del premier al telefono. Fede furioso

MILANO, 12 GIUGNO – Durante un inchiesta per evasione fiscale è stata intercettata una telefonata tra Flavio Briatore e Daniela Santanchè che apre un nuovo capitolo nelle vicende che riguardano Silvio Berlusconi e Ruby, inviate alla procura di Milano e disposte dalla procura di Genova.

Le conversazioni tra Flavio Briatore e il sottosegretario Daniela Santanché risalgono allo scorso aprile, mesi dopo lo scoppio dello scandalo e l’apertura dell’inchiesta della procura di Milano nei confronti del premier, Lele Mora, Emilio Fede e Nicole Minetti.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay][ad#Aruba PopUnder]

Briatore e la Santanché sono stati soci nel Billionaire, racconta che Lele Mora è andato a trovarlo e gli ha raccontato che “tutto va avanti: stesso gruppo, qualche new entry, ma la base del film è uguale”. In un’altra telefonata, sempre Briatore commenta con il sottosegretario una nuova festa del premier: “Ha ragione Veronica, è malato. Persino Lele Mora è in imbarazzo!”. Dall’altra parte della linea la fedelissima Santanchè arrivano giudizi inaspettati sul Presidente del Consiglio, che pubblicamente difende con forza e passione. “Se continua così crolla tutto”.
Nelle intercettazioni, parlano anche di economia e politica, commentano anche l’estromissione da Generali di Geronzi e la nomina di Lorenza Lei come nuovo ad della Rai.

Ora Flavio Briatore prova a dire la sua, non al telefonino, in un’intervista al quotidiano l’affarista spiega cosa voleva dire con quelle frasi sulle serate del premier Berlusconi, trasferita da Arcore a Roma. “Quelle cene tra amici non erano un segreto per nessuno e questa è la prova che non accadeva nulla di illegale.  E’ assolutamente falso”, la sua frase al telefono esprimeva solo preoccupazione per “la salute del presidente. Sono convinto che dovrebbe fare una vita più riguardata, riposare di più…”.
Santanchè esclude di aver parlato del giornalista Emilio Fede, precisa: “è Flavio che parla di lui, mi dispiace che si sia offeso, ma io non sono solita dare giudizi neanche quando penso che nessuno mi ascolti”. Infine,  si scaglia contro chi fa uscire le intercettazioni dalle procure e le passa ai giornali: “Cosa devo pensare? Che sono metastasi della società”. Sulle telefonate con la Santanchè però aggiunge: ” Al telefono chiunque fa battute”. Sulla politica del premier afferma inoltre: “Credo che abbia smarrito la via del fare, si è fatto imbrigliare dalla politichetta e dai processi”.

APPRFONDIMENTI  Dove sposarsi in Riviera Romagnola: tre destinazioni da sogno

Maria Giuseppina Bauleo

Leave a Reply

Your email address will not be published.