Manovra Fiscale, operazione da ventiquattro miliardi di Euro

Manovra Fiscale, operazione da ventiquattro miliardi di Euro

ROMA, 10 Giugno 2011 ”Quest’anno faremo un’opera di manutenzione di qualche miliardo, faremo nei prossimi anni quello che abbiamo già fatto negli anni precedenti”. Esordisce così il Premier Silvio Berlusconi durante una conferenza stampa a Palazzo Chigi circa l’imminente manovra economica, assicurando che non si tratterà si nulla di preoccupante, ma solo di “aderire alle indicazioni che la commissione Ue ha proposto al Consiglio dei capi di Stato e di governo.

Tale legge-delega sulla riforma del fisco che vede l’Italia al secondo posto solo dopo la Germania, verrà presentata e varata sicuramente prima dell’estate, anche a detta di Tremonti, a dispetto di quelle che il Premier definisce “notizie prive di ogni fondamento fornite da una stampa che sulla politica sta abbandonando la realtà”.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay][ad#Aruba PopUnder]

Il provvedimento avrà effetti strutturali per 24 miliardi di euro e l’obiettivo è quello di portare il rapporto deficit-pil nel 2012 al di sotto del 3%, secondo quanto prevede il Trattato di Maastricht. La bozza del Decreto Legge è stata denominata “misure urgenti finalizzate alla stabilizzazione finanziaria e alla competitività economica”. Tra le misure principali, il provvedimento prevede riduzioni dei costi della politica e della pubblica amministrazione, la lotta all’evasione fiscale e contributiva con la partecipazione anche dei comuni. Il decreto legge prevede poi interventi di tipo fiscale a favore delle reti d’impresa e per la prima volta, il mezzogiorno beneficerà di un regime fiscale vantaggioso. Ci sono poi norme in materia di procedure fallimentari e il fondo infrastrutture verrà rifinanziato. Nel pubblico impiego, sono in arrivo tagli per retribuzioni più elevate e alcuni trattamenti economici verranno congelati. Misure anche in materia di falsi invalidi e di proroga dei termini per la fissazione di misure contro l’abusivismo nel settore del noleggio.

Non mancano tuttavia gli screzi con le opposizioni, dopo l’affermazione del Premier che continua puntare il dito, considerando “i rappresentanti di sinistra assolutamente non degni di reggere responsabilità di governo”.

Laura Sallusti

Leave a Reply

Your email address will not be published.