Santoro-Rai: il divorzio è ufficiale, addio Annozero

Santoro-Rai: il divorzio è ufficiale, addio Annozero

ROMA, 07 GIUGNO 2011Con due giorni d’anticipo rispetto alla sentenza della Corte di Cassazione che avrebbe reintegrato il presentatore nelle fila del servizio televisivo pubblico, Michele Santoro e il direttore generale Lorenza Lei hanno comunicato la recessione consensuale dal contratto aziendale che li legava. L’epilogo del contenzioso giudiziario solleva la RAI dal reinserimento obbligatorio e dalla corresponsione della relativa contribuzione del conduttore e dal collocamento in prima serata di Annozero nel palinsesto di RAI2.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Aruba PopUnder][ad#Juice Overlay]

A fronte del commento del presidente Garimberti (“Spiace sempre perdere un professionista come Michele Santoro ma ho profondo rispetto per il diritto di ciascuno di essere artefice del proprio destino”), suona ben diversa la reazione dei consiglieri d’opposizione Rizzo Nervo e Van Straten che hanno denunciato la loro estraneità alla trattativa tra Santoro e il dg Lei. I due rappresentanti del CdA avrebbero osteggiato la cancellazione di Annozero dalla programmazione RAI o avrebbero tutelato la loro azienda facendo firmare al conduttore uscente una clausola di non concorrenza. La reazione alla scoperta della cancellazione del programma dal palinsesto autunnale è stata immediata e Nervo e Van Straten hanno chiosato l’accaduto dichiarando che “La presenza delle trasmissioni di approfondimento e di inchiesta sono un punto imprescindibile dell’identità del servizio pubblico e per questo, pur esprimendo il nostro compiacimento per la conferma di tutte le altre trasmissioni, da Report a Ballarò, a Che tempo che fa, non possiamo non sottolineare che l’uscita di Santoro rappresenta una sconfitta per la nostra azienda».

Santoro non smentisce l’esistenza di trattative con LA7 mentre viene data per certa l’impossibilità del suo reintegro in RAI in quanto la sua risoluzione del rapporto sarebbe avvenuta nell’ambito del piano d’incentivazione dell’esodo per i dirigenti Rai che esclude qualsiasi possibilità di proseguire la collaborazione con l’azienda. E’attesa per oggi la conferenza stampa del conduttore.

APPRFONDIMENTI  Dove sposarsi in Riviera Romagnola: tre destinazioni da sogno

Sara Marini

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.