Omicidio Melania Rea: Parolisi vorrebbe trasferirsi

Omicidio Melania Rea: Parolisi vorrebbe trasferirsi

ASCOLI PICENO, 7 GIUGNO – E’ stato lo stesso anatomopatologo, Adriano Tagliabracci, che ha annunciato la possibilità che in breve tempo i risultati dell’autopsia sul corpo di Melania Rei, trovata accoltellata il 20 aprile scorso a Ripe di Civitella, saranno al vaglio degli inquirenti.

I risultati dell’autopsia sono molto importanti anche per chiarire, una volta per tutte, dove la giovane mamma di Somma Vesuviana, sia stata effettivamente uccisa. Se effettivamente la donna è stata uccisa a Ripe di Civitella, luogo in cui è stata ritrovata, la competenza delle indagini verrebbe attribuita alla Procura di Teramo.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay][ad#Aruba PopUnder]

Intanto proseguono le indagini mentre Salvatore Parolisi, nei giorni scorsi, è tornato a Folignano. Una toccata e fuga sembrerebbe poiché la sua macchina è stata vista arrivare nel paese verso le 23 e 30 di venerdì sera e il mattino dopo già non c’era più.

I motivi di questa “fuga” restano ignoti anche se da più parti trapela l’indiscrezione che il caporal maggiore originario Parolisi, di Frattamaggiore dovrebbe tornare a giorni in servizio alla caserma ‘Clementi’, forse già lunedì. L’uomo sembrerebbe aver confessato agli amici di Frattamaggiore di non riuscire più a vivere in quella casa ormai piena di ricordi dove risiedeva con la moglie e la figlia Vittoria e di voler traslocare, dove, però non si sa ancora. A quasi due mesi della morte di Melania, esiste un assordante alone di mistero sia sull’identità dell’assassino che sul possibile movente. Parolisi resta ancora al centro del mirino dei sospetti anche se non è mai stato iscritto nel registro degli indagati. Gli esami autoptici risultano più che mai una grande speranza degli inquirenti.

APPRFONDIMENTI  Dove sposarsi in Riviera Romagnola: tre destinazioni da sogno

Federica Palmisano

2 Responses to "Omicidio Melania Rea: Parolisi vorrebbe trasferirsi"

  1. Sensitivo  2011/06/07 at 13:09

    Per fortuna pare che il caporalmaggiore Parolisi, non abbia ripreso servizio in caserma ad Ascoli Piceno, ma sia stato rimesso di nuovo in licenza. Ben fatto, almento in attesa sia dei risultati del riscontro autoptico sul corpo di Melania e sia dei rilievi scientifici dei RIS e dei ROS sui tabulati telefonici e sugl’indumenti ritrovati o sequestrati a Salavtore e sul resto dell’altro materiale rinvenuto e repertato nel corso delle indagini. Anche perché a mio avviso, spero di essere smentito sul punto, il marito sarà ingolfato fino al collo nell’inchiesta, sia direttamente ed esclusivamente quale uxoricida, come penso, od almeno indirettamente come complice.

  2. gabriella  2011/06/07 at 16:03

    I comportamenti di questo tizio non sono risultati di così specchiata integrità .
    Rimetterlo a “formare” le soldatesse non mi sembrerebbe una grande pensata ….
    Di solito certi comportamenti nei confronti dei sottoposti vengono puniti severamente all’interno delle istituzioni. oppure tutti sanno e tutti fanno ??

Leave a Reply

Your email address will not be published.