Dipendenti e clienti in rivolta: invasione al mobilificio di Aiazzone

Dipendenti e clienti in rivolta: invasione al mobilificio di Aiazzone

BERGAMO, 2 GIUGNOClienti truffati e dipendenti non pagati. Un classico ormai nella nostra penisola. Anche al mobilificio fallimentare di Aiazzone di Pognano nel bergamasco una ribellione dei più deboli si è fatta sentire.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay]

Il gruppo dei circa duecento protestanti ha invaso ieri sera i magazzini della storica azienda, chiusi da mesi, mettendolo sottosopra e danneggiando tutto ciò che vi era all’interno. I primi campanelli d’allarme in questa situazione si erano già verificati un mese fa, quando l’azienda dopo la chiusura premeditata aveva registrato piccoli furti. Questa volta clienti e dipendenti esasperati si sono attrezzati con mezzi idonei (furgoni e tir) per furti di mobili, cucine, divani, oggetti per la casa con l’obiettivo di essere ascoltati.

L’azienda ha infatti al centro di una procedura penale per aver truffato dodici mila clienti che dopo aver pagato la merce, in seguito alla chiusura definitiva dell’azienda non l’hanno mai ricevuta, mentre gli ex dipendenti ora senza lavora richiedono gli stipendi arretrati.

Purtroppo i tempi lunghi della giustizia e la disperazione dei danneggiati hanno spinto a questo gesto estremo ma per i danni ricevuti il mobilificio Aiazzone potrebbe esporre denuncia per furto, violazione di proprietà e danneggiamento. Parte della merce saccheggiata è stata recuperata dai carabinieri e le famiglie rimaste nei magazzini sono state identificate.

Ilaria de Lillo

[ad#Aruba PopUnder][ad#HTML]

APPRFONDIMENTI  Droni e privacy: un rapporto difficile da portare avanti

Leave a Reply

Your email address will not be published.