Tumori: il rischio arriva anche dai cellulari

Tumori: il rischio arriva anche dai cellulari

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay]

LIONE, 2 Giugno – Un team di esperti, riunitosi appositamente a Lione su richiesta dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), è giunto alla conclusione che l’indispensabile, o quasi, apparecchio  telefonico è inseribile nella lista degli elementi cancerogeni per l’uomo: le onde elettromagnetiche emesse dai cellulari sarebbero “eventualmente cancerogene per gli esseri umani”, così recita il comunicato ufficiale dell’équipe formata da studiosi di 14 Paesi differenti.

I primi test per accertare la presunta pericolosità dei “telefonini” furono effettuati all’inizio degli ’90: l’argomento non è quindi sconosciuto ed è più volte tornato alla ribalta nel corso degli anni. Rispetto al decennio 1993-2003 l’utilizzo di nuove apparecchiature ha permesso, questo è quanto affermato dagli esperti dello studio, di stabilire che gli utilizzatori abituali di cellulari (una stima di 30 minuti al giorno per 10 anni) hanno “un rischio poco più elevato ma statisticamente significativo”, ovvero intorno al 30% circa, di contrarre un tumore maligno al cervello (glioma).

Secondo il Circ (Centro internazionale ricerca sul cancro) di Roma occorre evitare qualsiasi tipo d’allarmismo ingiustificato. Gli esperti consigliano comunque un utilizzo prudente e moderato del cellulare riassunto nelle due semplici raccomandazioni: evitare di tenere l’apparecchio troppo vicino al corpo (testa e cuore in particolare) e preferire l’utilizzo dei messaggi di testo alle lunghe conversazioni.

Gianluca Francesco Pisutu

[ad#Aruba PopUnder][ad#HTML]

Leave a Reply

Your email address will not be published.