Omicidio Melania Rea: la svolta nei tabulati telefonici. Il killer ha i giorni contati

Omicidio Melania Rea: la svolta nei tabulati telefonici. Il killer ha i giorni contati

ASCOLI PICENO, 1 Giugno -  Una nuova settimana è iniziata per gli inquirenti che seguono il caso dell’omicidio della giovane mamma Melania Rea, di Somma Vesuviana, trovata senza vita il 20 aprile scorso. E nuovi indizi e nuovi colpi di scena aprono l’inizio della settimana.

I super testimoni sono stati giudicati quasi tutti inattendibili dagli inquirenti, salvo una donna ascolana che ha dichiarato di non aver visto nessuno dei Parolisi a San Marco il 18 aprile (giorno della scomparsa di Melania). In particolare, è risultato inattendibile il super testimone che aveva raccontato di aver visto Melania litigare con il marito Salvatore Parolisi e poi messa a forza in macchina da due donne. Per gli inquirenti si tratterebbe di una bufala poiché lo stesso personaggio aveva detto di aver vinto al Superenalotto ma non era vero.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay]

Ma la svolta, per la Procura di Ascoli Piceno, per la potrebbe venire dall’analisi dei tabulati telefonici delle persone presenti quel giorno nel piano di Colle San Marco e, in questo momento, allo studio di uno specialista. “Abbiamo un quadro sempre più completo, anche se rimane ancora qualche zona d’ombra che speriamo di chiarire presto’’, ha spiegato il comandante provinciale dei carabinieri di Ascoli Piceno, Colonnello Alessandro Patrizio.

Intanto sarebbe stato individuato il telefonista che avvertì i carabinieri del cadavere. Sarebbe un cercatore di funghi di Villa Lempa che, durante una delle sue innumerevoli gite fuori porta, avrebbe ritrovato il corpo senza vita della giovane Melania. Però, invece, di chiamare direttamente dalla cabina più vicina al luogo del ritrovamento, sarebbe tornato  indietro con il pullman di linea e  avrebbe effettuato la chiamata anonima da una cabina alla stazione di Teramo.

Il telefonista, probabilmente sconvolto dall’accaduto, ha preferito non immischiarsi nella vicenda e limitarsi solo ad avvertire gli organi competenti. Almeno per ora l’uomo sembra estraneo all’omicidio.

Federica Palmisano

[ad#Aruba PopUnder][ad#HTML]

One Response to "Omicidio Melania Rea: la svolta nei tabulati telefonici. Il killer ha i giorni contati"

  1. Luana  2011/06/01 at 16:05

    Poveretto, mi immagino se mi capitasse di scoprire un cadavere durante una gita nel parco, mi sconvolgerebbe e di certo non chiamerei dalla cabina più vicina e magari solata col rischio che l’omicida mi abbai visto e ammazzi anche me: farei come lui, scapperei e chiamerei solo dal centro cittadino, m direi il nome chiedendo che restasse anonimo. Ma il signore forse è anziano e molto impaurito. Vorrei sapere perchè non si cercano i testimoni e i tabulati di chi quel pomeriggio era alle Casermette e invece si insiste alla ricerca di tabulati e testimoni a Colle San Marco. Non è più importante sapere chi c’era laddove Melania veniva ammazzata, invece che indagare su un posto dove forse quel giorno lei non è mai stata?

Leave a Reply

Your email address will not be published.