Calciomercato Milan: Marek Hamsik o Bastian Schweinsteiger

Calciomercato Milan: Marek Hamsik o Bastian Schweinsteiger

MILANO, 1 Giugno – Massimo Allegri ha tracciato l’identikit del misterioso fuoriclasse che vestirà l’anno prossimo la gloriosa maglia del Milan. Due i potenziali candidati: Marek Hamsik e Bastian Schweinsteiger.

Marek Hamsik allora, capigliatura più folta che mai, 1,83 proprio come Bale, piedi vellutati, giocatore di chiara impostazione europea: poco “futbol bailado”, tutta sostanza. E un bottino di oltre quaranta reti messe a segno in quattro stagioni di serie A in maglia azzurra partenopea. Arrivato dal Brescia alla corte di De Laurentiis per cinque milioni di euro, felicissima intuizione dell’alora direttore generale Pierpaolo Marino. Oggi, Hamsik vale almeno cinque volte tanto, o meglio, non ha prezzo. L’asso slovacco è stato infatti al centro delle lunghe chiacchierate fra il patron napoletano eWalter Mazzarri, livornese come Allegri, il tecnico che ha saputo riportare Napoli e il Napoli ai fasti della Coppa Campioni. Tecnico preoccupato dalle voci di mercato, dalla ventilata cessione di almeno un paio di pezzi da novanta: su tutti Lavezzi ed appunto Marek Hamsik. E se il futuro del “Pocho” appare tuttora incerto e nebuloso, De Laurentiis ha garantito che, a meno di offerte “scandalose” ed irrinunciabili, l’asso slovacco sarà a disposizione di Mazzarri per almeno un altro anno.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay]

Ma all’orizzonte, spunta un terzo nome… Chioma altrettanto folta, biondo, piedi educatissimi, metro e ottantatrè d’ordinanza; gioca in Germania, maglia Bayern, si chiama Bastian Schweinsteiger. Giocatore eclettico, nato come esterno d’attacco, ha saputo reinventarsi come interno di centrocampo sino a divenire un autentico “universale” di centrocampo, pilastro imprescindibile del Bayern Monaco vicecampione d’Europa 2010 e titolare fisso nella spettacolare Germania di Joachim Low. Soluzione di qualità, dunque, ma dagli esborsi contenuti; “Schweini” ha un contratto in scadenza nell’estate del 2012 e c’è da credere che Uli Hoeness, presidente dei biancorossi di Baviera, non frema dalla voglia di perdere il giocatore tra un anno, senza che il Bayern ne ricavi un solo euro. Quindici milioni di euro, magari pagabili in tre anni e l’identikit tracciato a matita da Massimiliano Allegri assumerà i connotati marcati e ben definiti del talento di Kolbermoor, piedi buoni, capelli folti, un metro e ottantatrè.

VIDEO | LE NOTIZIE DEL GIORNO
[youtube width=”500″ height=”344″]http://www.youtube.com/watch?v=Eb8rfcuO1Cw[/youtube]
Domenico Damiani

[ad#Aruba PopUnder][ad#HTML]

Leave a Reply

Your email address will not be published.