Calciomercato Milan, Allegri traccia l’identikit: Gareth Bale

Calciomercato Milan, Allegri traccia l’identikit: Gareth Bale

MILANO, 1 Giugno – E’ un Massimiliano Allegri soddisfatto e ciarliero quello che ha movimentato la serata dagli schermi di Milan Channel. Soddisfatto e non potrebbe essere altrimenti; troppo fresca l’euforia per la conquista dello scudetto appena vinto in rossonero, prima apparizione alla guida di un top team dopo anni di gavetta in provincia, all’ombra del mentore di sempre, Giovanni Galeone.

Se Galeone, fra gli antesignani della difesa a zona in salsa tricolore, ha saputo trasmettere al pupillo livornese le linee guida del proprio credo tattico,Adriano Galliani ha pensato bene di “iniziare” il giovane tecnico milanista agli spericolati “blitz” di calciomercato. Ed è in questa veste di allenatore-manager, inusuale alle nostre latitudini, che Max Allegri ha vissuto in prima persona le fasi convulse della trattativa che porterà in via Turati la sospirata mezzala sinistra.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay]

“Capelli folti, piedi buoni, anzi buonissimi, passaporto comunitario, statura media, 1,83”. Allegri disegna un iidentikit del futuro del centrocampista designato per una linea mediana orfana del neojuventino Andrea Pirlo, chiamata al salto di qualità necessario per l’assalto alla Champions League 2012, obiettivo neanche troppo celato del club di via Turati.

Identikit dai contorni sfumati, ma non troppo. Comunitario, piedi buoni, capelli folti e quel metro e ottantatrè centimetri d’altezza che richiama alla mente un nome “caldo” del mercato rossonero, più volte evocato nelle ultime settimane: Gareth Bale.

Bale, gallese, 22 anni a luglio, formidabile locomotiva di fascia sinistra, tesserato Tottenham. E’ stato il giocatore rivelazione della scorsa Champions League; gran fisico, atleticamente ineguagliabile, Gareth Bale sa rendersi pericolosissimo anche in zona gol; per informazioni, citofonare in via Durini e chiedere di Julio Cesar. Ma il costo dell’operazione è tale da scoraggiare i più: Harry Redknapp, manager degli “Spurs” londinesi, ha già rispedito al mittente offerte da 40 milioni di euro, mittenti Real Madrid e Manchester City. Sembra molto improbabile che Adriano Galliani sia disposto a prendere parte ad una simile asta, anche nell’ottica dell’annunciato ridimensionamento del monte-ingaggi varato dal club neocampione d’Italia.

Domenico Damiani – Bnsport

[ad#Aruba PopUnder][ad#HTML]

Leave a Reply

Your email address will not be published.