Germania: Nucleare addio, centrali chiuse entro il 2022

Germania: Nucleare addio, centrali chiuse entro il 2022

BERLINO, 30 MAGGIO – Tanto tuonò che piovve, dopo le manifestazioni popolari che hanno attraversato l’intero paese, la Germania, nella persona del Ministro dell’Ambiente Norbert  Rottgen , ha ufficialmente comunicato la progressiva, ma inesorabile, uscita del paese dal nucleare.

Che lo scenario politico, circa la questione delle centrali nucleari, fosse cambiato, era parso chiaro dopo il disastro di Fukushima, infatti, sull’onda emotiva della tragedia giapponese, il governo tedesco si era detto disponibile a rivedere la propria posizione circa la denuclearizzazione del paese, sposando, di fatto, il progetto del precedente Primo Ministro Schroeder.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay][ad#Aruba PopUnder]

Oggi, la svolta, dopo una riunione fiume di oltre 12 ore, negli uffici del Cancelliere, Angela Merkel, la coalizione di governo, composta da Cdu Csu e Fdp, con l’ausilio di rappresentanti dei Socialdemocratici e dei Verdi ha  trovato l’accordo sulla sorte degli impianti, che verranno chiusi entro il 2022 e molti, tranne tre che resteranno in funzione per far fronte a possibili crisi energetiche, cesseranno la loro attività  non oltre il 2021.

Accontentata l’opinione popolare, lo Stato tedesco, dovrà ora trovare il modo di sopperire al calo di energia elettrica derivante dalla chiusura delle centrali, infatti, circa il 22% dell’elettricità del paese è attualmente fornita dalle tanto vituperate centrali atomiche.

Novità al riguardo, sono attese per il 6 giugno, quando un Consiglio dei Ministri formalizzerà la decisione presa.

Vincenzo Uccelli

APPRFONDIMENTI  Droni e privacy: un rapporto difficile da portare avanti

Leave a Reply

Your email address will not be published.