Melania Rea, nuovi supertestimoni e indagini su Parolisi

Melania Rea, nuovi supertestimoni e indagini su Parolisi

ASCOLI PICENO, 27 MAGGIO – Le indagini sul brutale omicidio della ventinovenne Melania Rea di Somma Vesuviana, trovata morta il 20 aprile scorso a Ripa di Civitella (Teramo), si stanno concentrando  su cosa fece Stefano Parolisi il 19 aprile in caserma. Nelle ultime ore, infatti, i carabinieri di Ascoli Piceno si sono concentrati sulla caserma del 235/o Rav “Piceno”, dove il caporalmaggiore svolge il ruolo di istruttore formativo. Quel giorno, Parolisi non partecipò alle ricerche della moglie, si sospettava ancora che si trattasse di un caso di allontanamento volontario, e si recò in caserma dove rimase molte ore. Ma di quello che fece in caserma, gli inquirenti non lasciano trapelare nulla, perché ci sarebbero dettagli molto utili all’inchiesta.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay][ad#Aruba PopUnder]

Nel frattempo salta fuori, con una telefonata al quotidiano Corriere Adriatico, la testimonianza di un uomo che afferma di aver visto Melania Rea litigare con suo marito Stefano Parolisi litigare sul Colle San Marco nel pomeriggio del 18 aprile. Dopo, la donna si sarebbe allontanata su un auto che aveva a bordo forse tre persone, tra cui un uomo e due donne. I carabinieri di Ascoli Piceno, però, diffidano dell’attendibilità della testimonianza, anche se hanno già provveduto a rintracciare il numero dal quale è giunta la telefonata (si tratterebbe di un uomo che vive a Civitanova Marche). Attendibile è stata dichiarata, invece, la testimonianza di una commessa la quale ha visto Salvatore Parolisi il 18 aprile alle 15.30 scendere dalla sua auto con la sua bambina davanti al bar Il Cacciatore. Ci sono, inoltre, altre sei persone che confermerebbero questa versione dei fatti più lo stesso Parolisi che ha sempre affermato di essere stato in quel bar con la figlia, quel giorno e a quell’ora, per chiedere se qualcuno avesse visto Melania.

Parolisi, al momento, risulta non indagato anche se ha assunto i legali Walter Biscotti e Nicodemo Gentile, già interpellati per il caso della piccola Sarah Scazzi, uccisa lo scorso 26 agosto.

Federica Palmisano

3 Responses to "Melania Rea, nuovi supertestimoni e indagini su Parolisi"

  1. Sensitivo  2011/05/27 at 19:42

    Sarebbe ormai proprio il caso d’iscrivere Salvatore Parolisi nel registro degl’indagati, per l’uxoricidio (assassinio della moglie) di Melania Rea, dal momento che tutti gl’indizi sono contro di lui ed è davvero l’unico sospettato, sia dagl’investigatori che dagl’inquirenti della Procura di Ascoli Piceno. Sarebbe una garanzia in più anche per il caporalmaggiore.

  2. Raffaele  2011/06/10 at 15:40

    Io ritengo Salvatore Parolisi un uomo freddo, determinato, un calcolatore. Sta recitando un’ottima commedia napoletana, ma sono sicuro che prima o poi qualcosa accadrà; allora sarà inutile mentire. Parolisi hai ucciso due volte melania, con i tuoi tradimenti, e adesso con le tue menzogne . Se sei veramente un uomo mostra le palle, dici tutto quello che sai, rispetta almeno adesso che è morta tua moglie.

  3. giovanni  2011/06/12 at 10:27

    due cose sono evidentissime: che il racconto di Parolisi sui momenti della scomparsa di Melania non è credibile (è senza logica ed è pieno di contraddizioni)
    e che ora lui sta recitando, in maniera goffa e patetica. Non sono d’accordo con Raffaele quando parla di commedia napoletana, nel senso che manca la capacità di recitare; Parolisi recita ma lo fa malissimo. E offende un pò l’intelligenza della gente. io non sono un giudice e non posso nè devo condannarlo, ma posso e ho il diritto di dire, da telespettatore, la mia impressione: la sua è una clamorosa mess’inscena. Senza rispetto nemmeno per Melania e per la famiglia di Melania.

Leave a Reply

Your email address will not be published.