Serbia arrestato il boia di Srebrenica Ratko Mlavic

Serbia arrestato il boia di Srebrenica Ratko Mlavic

BELGRADO 27 MAGGIOArrestato dopo 16 anni di latitanza, Ratko Mlavic, ex-generale dell’ armata popolare di Jugoslavia, fautore dell’ uccisione di altre due milioni e mezzo di persone e di aver fomentato attraverso il suo esercito violenze, torture e stupri per attuare la “pulizia etnica” in virtù del suo progetto di creare una nuova Serbia.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay][ad#Aruba PopUnder]

La polizia serba lo ha prelevato da un casa di un suo parente in un villaggio ad 80 km da Belgrado alle 5.30 del mattino, l’ ex-generale viveva sotto il falso nome di Milorad Komadic. Eppure molti vicini hanno dichiarato che già in passato la casa era stata perquisita dalla polizia ma non era stato reso pubblico. Di certo l’ arresto, guarda caso lo stesso giorno dell’ arrivo del ministro degli Esteri dell’ Unione Europea, Chaterine  Ashton, “consentirà che si aprano alla Serbia le porte dell’ Unione Europea”, come ha dichiarato il presidente serbo Boris Tadic.

Il tribunale penale dell’ Aja, spera nell’ arrivo di Mlavic entro una settimana, nonostante l’ udienza di ieri a Belgrado si sia rivelata inutile a causa di un malore che ha coinvolto l’ ex-generale incapace di rispondere alla domande del giudice.

Duri scontri a Belgrado e Novi Sab tra gli estremisti del partito radicale Serbo e la polizia, dopo l’ arresto. I massimi esponenti dell’ Srs hanno infatti accusato di tradimento nei confronti della nazione, il presidente Boris Tadic, per l’ arresto di un “soldato modello” simbolo della Sebia.

Lucia Argento

Leave a Reply

Your email address will not be published.