Un nuovo capitolo nella storia della Serbia: arrestato Ratko Mladic

Un nuovo capitolo nella storia della Serbia: arrestato Ratko Mladic

BELGRADO, 26 MAGGIO – “Oggi chiudiamo un capitolo della nostra storia che riporterà riconciliazione nella regione”. Così il presidente serbo Boris Tadic ha commentato l’arresto, avvenuto ieri sera, del criminale di guerra serbo Ratko Mladic, e aggiunge “Adesso si apriranno le porte dell’Europa”. Niente di più vero se si pensa che secondo le indiscrezioni del rapporto del Tribunale Penale Internazionale (Tpi) sono propriamente gli scarsi risultati ottenuti nella cattura dei criminali di guerra a minare l’ingresso della Serbia nell’UE.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Aruba PopUnder][ad#Juice Overlay]

Ratko Mladic è infatti uno dei più ricercati protagonisti della guerra della ex Jugoslavia, ex generale serbo bosniaco, uno dei responsabili dei 4 anni di assedio di Sarajevo, e accusato dello genocidio di 8000 civili mussulmani avvenuto a a Srebrenica, in Bosnia nel luglio 1995. Da allora  Ratko Mladic era latitante. Prima di lui sono stati arrestati Radovan Karadzic e Slobodan Milosevic, mentre ancora è a piede libero Goran Hadzic, che il presidente serbo Boris Tadic si augura di assicurare presto alla giustizia.

Soddisfatta anche la premier croata Jadranka Kosor, che vede nell’arresto di colui che definisce uno dei più spietati boia e criminali dell’intera umanità” un passo in avanti importantissimo in vista di una pace duratura nell’area balcanica.

La necessità di fare giustizia e chiarezza sui crimini della guerra balcanica è stato sottolineato sia dal segretario generale della Nato Anders Fogh Rasmussen che dall’Alto rappresentante Ue per la politica estera e di sicurezza Catherine Ashton, che ha richiesto l’estradizione all’Aja dell’ex generale serbo il più in fretta possibile.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=j_MhciU9Foc[/youtube]

Beatrice Occhini

Leave a Reply

Your email address will not be published.