Egitto: diciassette piramidi, migliaia di tombe e insediamenti nascosti dalla sabbia

Egitto: diciassette piramidi, migliaia di tombe e insediamenti nascosti dalla sabbia

LONDRA, 26 MAGGIO – Diciassette piramidi, migliaia di tombe e insediamenti nascosti dalla sabbia: sono queste le incredibili scoperte realizzate in Egitto grazie alle immagini  a raggi infrarossi  provenienti dallo spazio. Come mostra il documentario della BBC “Egypt’s lost cities”, i satelliti, posti in orbita a 700 km dalla terra, hanno permesso di realizzare persino una mappa dei reperti, ritrovati soprattutto nella zona di Saqqara, a 30 km dal Cairo. Gli archeologi coinvolti negli scavi ne stanno confermando l’effettiva presenza.

Gli Antichi egizi utilizzavano, per le loro costruzioni, il fango essiccato: questo materiale, di densità maggiore rispetto al suolo su cui poggia, consente rilevazioni molto facili con un occhio così potente, in grado di rilevare anche la presenza di oggetti con un diametro inferiore al metro.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay][ad#Aruba PopUnder]

“Indiana Jones è roba vecchia, mi dispiace per Harrison Ford” ha affermato, entusiasta, Sarah Parcak,   esperta di space-archeology presso il laboratorio sponsorizzato dalla Nasa di Birmingham, in Alabama.  “Abbiamo lavorato per oltre un anno a questa ricerca e ho potuto vedere i dati man mano che uscivano fuori. Alla fine non riuscivo a credere che avessimo scoperto cosi’ tanti siti. Il momento piu’ eccitante – prosegue l’egittologa – e’ stata la visita a Tanis. Hanno scavato un’abitazione risalente a tremila anni fa e il contorno della struttura coincideva quasi perfettamente con le immagini del satellite. E’ stata una vera e propria convalida della nostra tecnologia “.

Grazie a questi risultati le autorità del Cairo stanno pensando di utilizzare i satelliti anche per riuscire a controllare e proteggere resti già venuti alla luce, con la possibilità di avvertire immediatamente l’Interpol in caso di assalti. Saccheggiatori e vandali hanno purtroppo approfittato dei disordini, che hanno recentemente sconvolto il paese, per prendere di mira musei e siti archeologici.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=ci0hmhTjPjY[/youtube]

Mariangela Celiberti

Leave a Reply

Your email address will not be published.