Elezioni Comunali 2011: Tutti i dati definitivi su Milano, Torino, Bologna e Napoli

Elezioni Comunali 2011: Tutti i dati definitivi su Milano, Torino, Bologna e Napoli

MILANO, 16 MAGGIO – Piero Fassino a breve dovrebbe festeggiare l’eventuale vittoria al primo turno come sindaco di Torino. Lo aveva annunciato solo qualche giorno fa e ora si tratta per lui di tener fede alla parola. Fassino, ha affermato: ”Saro’ il sindaco di tutti i torinesi, sia di chi mi ha votato, sia di chi ha ritenuto di fare scelte diverse”, lo ha detto, appena si è delineata la sua vittoria al primo turno. Il suo rivale nella sfida per la conquista della poltrona di sindaco, Michele Coppola, ha preso sportivamente la ormai quasi certa sconfitta.

Arrivando nella sede del PdL, stanco ma sorridente, Coppola ha infatti commentato: ”Un torinese su tre mi ha votato. E’ un risultato molto bello, un’esperienza positiva. Ho 38 anni e una vita davanti”.

E’ rimasta invece nella sua abitazione milanese il sindaco uscente di Milano Letizia Moratti, che nel primo pomeriggio ha riunito per un vertice elettorale lo stato maggiore del Pdl. Invece Giuliano Pisapia ha commentato così, il dato che dava per certo il ballottaggio: ”Una inezione di adrenalina”.

E poi ancora: ”Sara’ la Milano del futuro, esempio per tutta Italia”, ha esultato al Teatro Elfo-Puccini dove si sono raccolti i suoi sostenitori. Pisapia ha ricordato come i suoi concorrenti avessero giudicato questo risultato ”prima impossibile, poi improbabile, ora altamente probabile”. Soddisfatto e’ apparso anche il candidato del Pdl a Napoli, Gianni Lettieri: ”Credo sia un risultato che va oltre ogni aspettativa – ha detto – ero consapevole che non era possibile vincere al primo turno, eravamo pur sempre dieci candidati”.

APPRFONDIMENTI  Droni e privacy: un rapporto difficile da portare avanti

E certamente soddisfatto e’ anche Luigi de Magistris, quasi sicuro sfidante di Lettieri al ballottaggio: ”Commento un dato non definitivo, ma se lo sarà e’ un risultato senza precedenti”, ha detto in serata. A Bologna in attesa dei dati definitivi, che arrivano al Comune, con grande lentezza, c’e’ quella che Anna Maria Cancellieri, il commissario straordinario che ha governato il Comune negli ultimi sedici mesi, ha chiamato ”una giusta ansia”, in parte dovuta proprio al ritardo nei dati, ammesso dalla stessa Cancellieri.

Sonia Bonvini

Leave a Reply

Your email address will not be published.