Melania Rea, dalla confessione dell’amante spunta la doppia vita di Salvatore

Melania Rea, dalla confessione dell’amante spunta la doppia vita di Salvatore

ASCOLI PICENO, 9 MAG. – La morte di Carmela Melania Rea, uccisa a coltellate il 18 aprile scorso, potrebbe essere un delitto passionale. Gli oltre 20 colpi sono stati inferti con una rabbia feroce, quella di un amante rifiutato, come ipotizzato nei primi giorni o la rabbia di una rivale in amore, come fanno pensare le ultime confessioni. Se in un primo momento l’aspetto fisico di Melania, considerata bella come un’attrice, aveva lasciato pensare alla follia di un innamorato, con il passare dei giorni sono venute alla luce le relazioni extraconiugali del marito. Salvatore Parolisi, quando sarà risentito dagli inquirenti dovrà chiarire la sua doppia vita.

Durante l’interrogatorio di 11 ore, a Lecce, Ludovica P., 27enne di Sabaudia, sua ex allieva e amante, ha dichiarato che quella tra lei e Salvatore era una relazione “importante, forte e impetuosa“, un amore vero iniziato due anni fa, mentre la moglie era incinta. Parolisi agli inquirenti aveva invece liquidato quella relazione come una “una scappatella di breve durata.” L’ex allieva di Parolisi lo definisce “un uomo innamorato, pronto a lasciare Melania”, come dimostra la richiesta di trasferimento da Ascoli a Sabaudia.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice PopUnder1][ad#Juice Overlay]

“A Melania – racconta la soldatessa – Salvatore non avrebbe dovuto dire che si separava per un’altra, ma solo che era meglio chiudere perché non andavano più d’accordo: non voleva farla soffrire.” Il trasferimento era previsto per i primi di giugno. Melania sapeva del tradimento, aveva persino telefonato alla rivale per dirle di farsi da parte. L’ultimo incontro tra il caporale e la soldatessa risale a gennaio scorso, mentre i contatti telefonici non si sarebbero mai interrotti. In una intercettazione di domenica 17 aprile, Salvatore dice all’amante: “Sì, sì, stai tranquilla, dirò a Melania che è finita, che è meglio lasciarci, domani lo faccio.” Senza avanzare accuse o moralismi è arrivato il momento per Salvatore di raccontare la verità, per rispetto di Melania ora che è morta.

APPRFONDIMENTI  Droni e privacy: un rapporto difficile da portare avanti

Cristina Reggini

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.