Melania rapita tra Folignano e Colle San Marco. Nuovo interrogatorio per il marito

Melania rapita tra Folignano e Colle San Marco. Nuovo interrogatorio per il marito

ASCOLI PICENO, 4 MAG. – A due settimane dal ritrovamento del corpo di Carmela Melania Rea nel bosco di Casermette nel Teramano, i magistrati hanno stabilito che titolare dell’inchiesta è la procura di Ascoli Piceno. Le indagini sono state finora condotte dalla procura di Teramo, luogo in cui è stato trovato il corpo della donna e da quella Ascolana, luogo in cui Melania sarebbe scomparsa. Il passaggio della competenza alla procura di Ascoli indica che il reato prefigurato sia il sequestro di persona (antecedente il delitto).

Nelle ultime ore qualche nuovo elemento potrebbe aver spinto gli investigatori a ritenere che l’assassinio della 29enne non sia avvenuto a Civitella del Tronto (Teramo), ma in un luogo imprecisato tra Folignano – luogo di residenza della vittima – e Colle S.Marco, nell’Ascolano. Melania sarebbe, quindi, stata rapita e non salita in auto di sua volontà con qualcuno che conosceva.

Nelle prossime ore il caporale Salvatore Parolisi, marito della vittima, sarà sottoposto a un nuovo interrogatorio per chiarire i dubbi sulla versione da lui fornita. L’ultima incongruenza riguarderebbe la richiesta rivolta alla moglie di portargli un caffè. Melania quando si è allontanata per andare al bar non aveva con sé la borsa, trovata poi nell’abitazione, come avrebbe pagato il caffè?

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=GhnY5AhOA2U[/youtube]

Cristina Reggini

APPRFONDIMENTI  Droni e privacy: un rapporto difficile da portare avanti

Leave a Reply

Your email address will not be published.