Orrore ad Alessandria: ucciso a sprangate e poi nascosto in un bidone dell’olio

Orrore ad Alessandria: ucciso a sprangate e poi nascosto in un bidone dell’olio

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice PopUnder1][ad#Juice Overlay]

ALESSANDRIA, 4 MAGGIOE’stato rinvenuto in un bidone per l’olio minerale il cadavere di Giampierluigi Cassetti, 35 anni, originario di Piazza Armerina (Enna), ma da molti anni residente in Piemonte. Il ritrovamento è avvenuto grazie alle dichiarazioni spontanee di coloro che hanno ammesso essere gli autori dell’atroce delitto: l’ex-moglie dell’uomo, 34 anni, e il patrigno di quest’ultima, 59.

Secondo il racconto reso ai magistrati e ai carabinieri, hanno prima ucciso Cassetti a colpi di spranga e poi nascosto il corpo ormai senza vita in garage, all’interno del vecchio fusto vuoto. Il movente dell’omicidio sembrano essere i continui maltrattamenti che da anni l’uomo perpetrava proprio ai danni dell’ex-moglie.

Le ammissioni dei due presunti colpevoli sono ancora al vaglio dei carabinieri e dei sostituti procuratori della repubblica di Torino, anche se alcuni testimoni hanno effettivamente confermato di aver visto, nella giornata di domenica, alcune persone accanto al garage mentre scaricavano qualcosa da un furgone bianco prima di andare via.

In un sopralluogo effettuato presso l’abitazione della donna, dove sarebbe avvenuto il delitto, è stato però trovato tutto in ordine.

Mariangela Celiberti

 

APPRFONDIMENTI  Droni e privacy: un rapporto difficile da portare avanti

Leave a Reply

Your email address will not be published.