Marrakesh, si complica il rientro delle salme di André e Corrado

Marrakesh, si complica il rientro delle salme di André e Corrado

MARRAKESH, 2 MAG. – Il Ticino è sotto shock per la morte di Corrado Mondada, 25 anni, informatico di Sementi­na e André da Silva Costa, 23 anni, falegname di Cadenazzo. Corrado e André erano in Marocco per una vacanza di una settimana e giovedì 27 aprile al momento dell’attentato si trovavano insieme alle amiche Morena Pedruzzi e Cristina Caccia, sulla terrazza del caffè Argana in piazza Jemaa El Fna, sventrata dall’esplosione. Morena e Cristina hanno riportato gravi ferite e sono ricoverate all’ospedale universitario di Zurigo. Il Dipartimento svizzero degli affari esteri ha confermato la morte dei due ticinesi solo nel pomeriggio di domenica 1° maggio, dopo l’identificazione avvenuta in mattinata tramite materiale genetico e radiografie delle arcate dentarie inviate in Marocco dalle autorità del Canton Ticino.

Ora si attende il rientro delle salme, annunciato per martedì, ma intralciato da lungaggini burocratiche e amministrative per la presenza di due diplomazie a coordinare le operazioni: quella svizzera per Corrado e quella portoghese per Andrè. Questa sera alle 20.15 a Cadenazzo, in ricordo dei due giovani, si terrà una fiaccolata lungo le vie del comune. Ad organizzare la manifestazione sono gli amici e i conoscenti dei due ragazzi, noti sia a Cadenazzo che in tutto il bellinzonese, sia per la partecipazione alle Guggen che al mondo sportivo del calcio.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=mPy-9ZCg9oM&feature=related[/youtube]

Cristina Reggini

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.