Nuove tracce e domande intorno a Melania Rea

Nuove tracce e domande intorno a Melania Rea

ASCOLI PICENO, 2 APRILE – S’infittisce di particolari il delitto di Melania Rea. La confidenza fatta all’amica Imma, di voler tornare dai suoi genitori a Somma Vesuviana insieme alla figlia, sembra esser stata al principio dell’ultima lite tra Melania e il marito Salvatore, avvenuta domenica, giorno precedente alla scomparsa della donna.

La testimonianza dell’amica Imma, sembra confermare l’ipotesi degli investigatori, che dopo dieci giorni di ricerche nella vita di Melania, si trovano davanti la storia non della “coppia perfetta” cosi come emergeva dalle testimonianze raccolte dagli abitanti di Folignano. All’interno della coppia c’erano tradimenti, dubbi e voglia di cambiare qualcosa. Neppure l’arrivo di Vittoria sul finire del 2009 era riuscito a rimarginare il dolore di Melania, tormentata da incertezze sulla fedeltà del marito, che ha raccontato agli inquirenti di aver avuto una relazione extraconiugale troncata con la nascita della piccola Vittoria.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice PopUnder1][ad#Juice Overlay]

Una storia nella quale nulla può essere ignorato. Come il particolare del trolley che una guardia carceraria, amico di Salvatore Parolisi, dice di aver visto nell’auto di quest’ultimo la mattina del 18 aprile. Di chi era quel trolley? Perché era già in auto se la partenza per le vacanze pasquali era prevista due giorni dopo? Cosa conteneva? Quesiti che per il momento rimangono privi di risposta giacché del trolley non c’è più traccia.

Nel corso delle ore, l’ipotesi prevalente resta quella dell’ omicidio passionale, d’impeto e non premeditato, e si restringe sempre più il cerchio dei sospettati. Il colonnello Alessandro Patrizio ha riferito che non saranno fatte mosse finché non avranno i risultati dei Ris sui reperti recuperati nei luoghi della scomparsa (Colle San Marco) e del ritrovamento (Ripe di Civitella).

APPRFONDIMENTI  Droni e privacy: un rapporto difficile da portare avanti

Il mistero sul delitto rende tesa l’atmosfera al 235esimo Reggimento Piceno, dove Salvatore da tre anni istruisce volontarie. Tanto tesa che anche il ministro della Gioventù Giorgia Meloni, ieri ad Ascoli, ha cancellato la visita in programma in caserma.

A.Manno

Leave a Reply

Your email address will not be published.