Camera dei Deputati: volano insulti e anche giornali

Camera dei Deputati: volano insulti e anche giornali

ROMA, 31 MARZO – Il presidente Gianfranco Fini fa sempre più fatica a mantenere il clima, all’interno della Camera dei Deputati, su un livello di decenza accettabile per uomini e donne adulti e in più rappresentanti delle istituzioni.

Dopo l’improperio del ministro La Russa, è oggi il Ministro della Giustizia, Angelino Alfano, a fare parlare di un suo gesto poco opportuno. Ad accendere la miccia è stata la decisione del presidente Fini di non far votare quattro ministri, tra i quali il Guardasigilli, sulla norma del processo breve. I Ministri avevano abbandonato in tutta fretta la riunione del CdM sull’emergenza Lampedusa, sospesa proprio per consentire loro di votare ma secondo le accuse dei deputati PdL, il presidente avrebbe “fatto finta” di non vederli. Alfano, infuriato per la decisione del suo vecchio alleato, ora avversario politico, getta in terra, per stizza, il suo tesserino di voto.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice PopUnder1][ad#Juice Overlay]

La votazione finisce in pareggio, con la sconfitta del governo e con la richiesta di rinviare l’esame del provvedimento a martedì prossimo. La maggioranza s’infuria con il presidente della Camera e Fini sospende la seduta. Uscendo dall’aula viene colpito in testa da un giornale scagliatogli contro da un deputato del PdL.

Secondo il capogruppo della Lega Nord , Marco Reguzzoni, l’ex segretario di AN ha peccato di parzialità: “Il presidente della Camera dovrebbe essere super partes. E invece oggi Fini mi ha tolto la parola per accelerare le votazioni. Fini ha fatto finta di non vedere i quattro ministri che stavano votando non consentendogli di terminare la procedura del voto. Io non voglio fare polemiche, ma capisco che con quest’atteggiamento di Fini gli animi si surriscaldino… “. Massimo Corsaro, vicepresidente dei deputati Pdl, afferma:”Oggi è finita la storiella di Fini super partes. Quattro ministri, infatti, erano in Aula con la tessera inserita, ma non gli è stato consentito di votare”.

di Maria  Scopece

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.