Viola, massacrata a 10 mesi. Indagato il compagno della mamma

Viola, massacrata a 10 mesi. Indagato il compagno della mamma

[ad#Juice 160 x 600][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay][ad#Cpx Popunder]

ROMA, 25 GENNAIO – La piccola Viola è ricoverata da sabato nel reparto di terapia intensiva del Policlinico Gemelli di Roma. Prima era stata portata all’ospedale di Terracina dove i medici hanno subito capito la gravità della situazione e hanno disposto il trasferimento al Gemelli. Qui Viola è arrivata da sola, senza mamma e papà.

Le indagini sono scattate nell’immediato, su segnalazione dei medici del pronto Soccorso di Terracina.

Trauma cranico e numerose lesioni su tutto il corpo. Il corpicino martoriato di una bimba di 10 mesi che lotta per la vita.

Ancora non è chiara la dinamica dei fatti.

Le indagini dei militari di Terracina si concentrano nell’ambito familiare. Sono stati ascoltati il padre e la madre della piccola, separati da qualche mese, e il nuovo compagno della mamma.

Manuela, la mamma, bracciante agricola 40 anni, avrebbe riferito ai militari di aver affidato la bambina al padre e di non essersi accorta dello stato di incoscienza della piccola una volta tornata a casa, circostanza smentita dal padre che avrebbe, invece, dichiarato di non vedere la piccola da giorni.

Manuela ha cercato di difendere il suo compagno, S.P. 31 anni operaio, e di addossare la colpa all’ex  marito.

Interrogata ieri, avrebbe riferito di aver affidato la piccola nuovo compagno e di essersi recata a lavoro. Qui è stata raggiunta da conoscenti che l’hanno invitata a recarsi al pronto soccorso.

Manuela non sa darsi spiegazioni, non riesce a capire cosa sia successo. Non era la prima volta che affidava la piccola al nuovo compagno, era già successo due volte.

Le indagini sono ora concentrate sul compagno di Manuela, al momento unico indagato.

Nel frattempo Viola è da sola in ospedale, non c’è nessuno al suo capezzale. Il Tribunale dei Minori ha disposto un atto di tutela: i genitori non si possono avvicinare alla piccola fino a quando non sarà chiaro il quadro delle responsabilità.

Sola consolazione è il bollettino medico: la piccola ha un trauma cranico ma respira autonomamente ed è cosciente.

Annamaria Di Biase

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.