Caso Ruby, il fido Fede si tenne una parte del prestito a Mora

Caso Ruby, il fido Fede si tenne una parte del prestito a Mora

MILANO, 18 GENNAIO – La notizia secondo cui i Pm sospettassero di un ingente prestito di Silvio Berlusconi a Lele Mora (in grosse difficoltà economiche dopo il fallimento da 17 milioni di euro della sua Lm Management costatogli un’inchiesta per bancarotta) circolava già da giorni, ma la novità ora è rappresentata dal fatto che dalle intercettazioni telefoniche sembra di capire che il prestito a Mora sarebbe stato favorito dall’intervento di Emilio Fede.

E’ il 22 agosto 2010 che Fede e Mora iniziano a pensare cosa dire al Premier affinchè il prestito di denaro vada a buon fine. “Senti, ho visto Lele, non sta bene ed è preoccupato, forse credo che una mano bisognerebbe dargliela, hai fatto tanto bene a tanta gente, lui poi se lo merita più degli altri”. Mora raccomanda a Fede di assicurare al premier che “poi lui metterà in vendita due o tre cose e saprà come ritornare indietro tutto… Tanto poi campa cavallo che l’erba cresce…”.

[ad#Juice 250 x 250][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay][ad#Cpx Popunder]

C’è da superare però l’iniziale ostracismo di Spinelli, Fede così inscena con Mora anche ciò che avrebbe detto a Berlusconi per oltrepassare questo ulteriore ostacolo.

“Gli dico: “Guarda, quest’uomo (Mora, ndr) c’ha dato tutto ed è quello che c’ha dato soprattutto la riservatezza… Capisco la prudenza e tutto, ma io ti dico solo questo: che lui sarà al Creatore anche fisicamente oltre che…
perché lui rischia la bancarotta… allora diventa peggio il problema”». A Berlusconi, Fede stabilisce con Mora che chiederà «uno e due, di cui 100 (Mora, ndr) li da a me in due rate che ho prestato 50 e 50”, capito?».

In pratica dalle intercettazioni telefoniche sembra emergere che Emilio Fede, considerato uno degli uomini più leali e fedeli a Silvio Berlusconi avrebbe sceneggiato una sorta di commedia affinchè Mora ottenesse un prestito di un milione e 200 mila euro e lui (Fede), un guadagno, per la sua attività di convincimento, di 400 mila euro.

APPRFONDIMENTI  Baby Gang terrorizza Bologna: i residenti sono stufi

Insomma, in questo nostro paese tempestato da innumerovoli problemi socio-economici ogni giorno emergono particolari inquietanti e sconfortanti che riguardano il Presidente Del Consiglio in prima persona. Un Presidente del Consiglio sempre più solo a quanto pare, visto che, anche l’uomo che più di tutti ha fatto della fedeltà a Silvio Berlusconi il proprio segno distintivo, da quanto emergerebbe dalle intercettazioni, fedele non lo era affatto.

A cura di Simone Luca Reale

Leave a Reply

Your email address will not be published.