Gemonio, due ordigni presso sede della Lega. Indagini vicino ad una svolta

Gemonio, due ordigni presso sede della Lega. Indagini vicino ad una svolta

MILANO, 29 DICEMBRE Esplosione nella notte davanti alla sede della Lega Nord a Gemonio (Varese), a 50 metri dalla casa di Umberto Bossi. Erano attive le telecamere installate vicino alla sede dove sono esplosi due petardi provocando danni al portone e mandando in frantumi i vetri delle finestre. Non ci sono stati feriti. Indagano Carabinieri e polizia.

[ad#Juice 250 x 250][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay][ad#Cpx Popunder]

Gli investigatori stanno visionando i filmati e, a quanto si è appreso, ad agire sarebbero state due persone, al momento le indagini sono dirette soprattutto verso persone già note. Su un muro esterno dell’edificio è apparsa una scritta in vernice nera “antifa”. Finora nessuna rivendicazione.

“Noi della Lega siamo abituati da sempre ad attacchi di questo tipo, fatti da intolleranti che agiscono vigliaccamente e nell’anonimato”. Così il ministro dell’Interno Maroni commenta l’attacco alla sede della Lega di Gemonio.

“E’ accaduto altre volte in passato che sedi del nostro partito siano state oggetto di violenza ma non ci siamo fatti intimidire e lo stesso accadrà stavolta – dice – Naturalmente sono episodi da non sottovalutare”. “Credo si tratti di un attentato contro la democrazia e non contro un partito, piuttosto che un altro”, sostiene. Quanto alle indagini, “seguono piste precise” ma “non posso dire nulla”.

Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.