Strage nel vibonese: 4 fermi per omicidio

Strage nel vibonese: 4 fermi per omicidio

[ad#Juice 250 x 250][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay][ad#Cpx Popunder]

VIBO VALENTIA, 28 DICEMBRE – Quattro persone sono state fermate dai carabinieri di Vibo Valentia per la strage nella masseria di Filandari in cui sono state uccise 5 persone: un padre e i suoi figli. Tra i 4 fermati, tutti imparentati fra di loro, c’è Ercole Vangeli, l’uomo che si è costituito ai militari confessando di essere l’autore della strage. Movente della carneficina sarebbero dei diverbi legati a invasioni di terreni e a continui soprusi. L’accusa per i quattro è di omicidio plurimo. Vangeli ha detto: “Ero stanco dei soprusi continui che subivo”.

PROCURA: PEGGIO DELLA MAFIA “Non si tratta di un delitto di mafia, è peggio”. Così il procuratore di Vibo Valentia, Mario Spagnuolo, sulla strage alla masseria di Filandari,in cui sono state uccise cinque persone. “Non siamo abituati ad una simile barbarie – ha aggiunto – mentre conosciamo le stragi di mafia. Questa terra non merita questi gravi fatti”. Il procuratore ha confermato che alla base della strage ci sarebbero contrasti su alcuni terreni, e che le quattro persone fermate con l’accusa di omicidio volontario erano tutte presenti su luogo delitto.

Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.