IL FATTO | Il futuro del Bologna FC nella mani di Consorte

IL FATTO | Il futuro del Bologna FC nella mani di Consorte

BOLOGNA, 24 NOV. – Ieri la svolta, durante un pranzo di lavoro si sono incontrati l’attuale presidente del Bologna Sergio Porcedda e il capo di Intermedia Giovanni Consorte.

Al pranzo erano presenti anche l’ad Silvino Marras e l’azionista di minoranza Renzo Menarini, ex presidente della società e attuale possessore del 20% delle quote.

[ad#Juice 250 x 250][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay][ad#Cpx Popunder]

Città e tifoseria sono in subbuglio, non si sa se dare le colpe al presidente sardo o ai Menarini, non graditi da tempo alla tifoseria, e si finisce per dare un 50 e 50 a entrambi gli azionisti della società Bologna Fc.

Chiacchierando con qualche tifoso si ha però la sensazione di una speranza in più, una fiducia dopo il lungo incontro di ieri,che ha visto Porcedda incaricare il capo di Intermedia della cessione del club. In questo modo il Bologna ha buone possibilità di non fallire, e riacquistando serenità all’interno dello spogliatoio, i 4 punti di penalizzazione previsti non dovrebbero essere un muro invalicabile verso la salvezza.

Consorte, che detiene ora fra le sue mani il futuro della squadra rossoblù, dovrà cercare fra i 180 investitori aderenti ad Intermedia, qualcuno disposto ad accollarsi la nuova scommessa Bologna. Ciò sarà possibile nel caso, dopo gli accertamenti dovuti, non vi sia una situazione debitoria preoccupante, che allontanerebbe qualsiasi imprenditore dall’acquisto della società.

Si parla di un gruppo di 4-5 imprenditori che potrebbe rilevare il 100% della società e cambiare le sorti della storica squadra bolognese, fra questi spunta il nome di Alfredo Cazzola, l’ex presidente rossoblù che fra il 2005 e il 2008 riportò il Bologna in serie A.

Marco Valerio Loi | BNSport

[ad#Aruba 300 x 250]

Leave a Reply

Your email address will not be published.