Sarah Scazzi, da Bruno Vespa la criminologa Bruzzone descrive il vero Michele Misseri

Sarah Scazzi, da Bruno Vespa la criminologa Bruzzone descrive il vero Michele Misseri

[ad#Juice 160 x 600][ad#Juice Overlay][ad#Juice PopUnder2][ad#Cpx Popunder]

TARANTO – Porta a Porta rispolvera il plastico: non si tratta del delitto di Cogne, bensì dell’omicidio di Sarah Scazzi.

A pochi giorni dal “Misseri 3” la criminologa Bruzzone e il difensore Galloppa descrivono la personalità di Michele Misseri ai microfoni di Bruno Vespa.

“Michele è un uomo estremamente religioso e legato alla sua terra – afferma la Bruzzone. Sono stata contattata dall’Avv. Galloppa per occuparmi del caso e, dopo una breve riflessione, ho deciso di accettare l’incarico”.

Alla domanda di Vespa sul lavoro svolto per “condurre” Misseri alla terza versione ha risposto: “Prima di tutto ho cercato di conoscere Michele Misseri. Ho chiesto delle olive per instaurare un rapporto umano con Misseri. Poi, grazie anche al lavoro svolto dall’avv. Galloppa, abbiamo ricostruito insieme le tappe che hanno portato all’omicidio di Sarah. Tutto con molto tranquillità“.

L’avv. Galloppa loda il lavoro svolto dalla criminologa: ” La dott. Bruzzone ha portato Michele a liberarsi di una situazione più grande di lui”

Poi la Bruzzone parla del rapporto con le donne di casa: “Non penso che Misseri sia vittima delle donne di casa. E’ un grande lavoratore e, con la moglie spesso fuori casa per i turni di notte, si è dovuto occupare delle figlie Sabrina e Valentina.

In riferimento ai rapporti con Sabrina e Sarah, conferma che Michele considerava la 15enne come una figlia, mentre si è detto preoccupato per il futuro di Sabrina.

Redazione

APPRFONDIMENTI  Dove sposarsi in Riviera Romagnola: tre destinazioni da sogno

Leave a Reply

Your email address will not be published.