L’avvocato del Nobel Xiaobo denuncia: “Vogliono impedirmi di lasciare la Cina”

L’avvocato del Nobel Xiaobo denuncia: “Vogliono impedirmi di lasciare la Cina”

[ad#Juice 300 x 250][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay]

PECHINO, 9 NOV. – L’avvocato del neo premio nobel per la pace Liu Xiaobo ha annunciato che farà querela al governo cinese per la proibizione di lasciare il paese che gli è stata imposta.

In un’intervista alla Bbc, Mo Shaoping ha raccontato di essere stato fermato all’aeroporto dalle autorità cinesi, che gli hanno vietato di imbarcarsi per la Gran Bretagna, dove era atteso a una conferenza di giuristi. Il suo viaggio sarebbe stato bollato come “minaccia per la sicurezza per lo stato”. Secondo Mo, il timore di Pechino è che il viaggio fosse finalizzato al ritiro del Nobel. La cerimonia avrà infatti luogo tra poche settimane. Nell’appello della moglie del nobel Xiaobo, agli arresti per dissidenza, Mo era uno degli auspicati per il ritiro del premio.

”Ho chiesto il documento scritto con il provvedimento, ma il poliziotto mi ha detto che non aveva nulla su carta, ma l’ordine emesso dall’ufficio della sicurezza pubblica di Pechino che io non lasciassi la Cina”, ha dichiarato Mo ”Seguiremo la procedura giudiziaria in Cina e presenteremo una querela contro di loro…questa scusa fa acqua da tutte le parti. E’ illegale”

Di recente Pechino ha proceduto all’arresto di altri quattro attivisti dei diritti umani. secondo il China Human Rights Defender, sono stati molti i dissidenti fermati in questo periodo, dall’ingegnere Guo Xianliang-fermato mentre distribuiva volantini- a Wang Lihong, Wu Gan e Zhao Changqing, rei di aver festeggiato il conferimento del nobel a Liu Xiaobo.

Laura Girasole

[ad#Cpx Popunder][ad#Aruba Banner]

Leave a Reply

Your email address will not be published.