Sarah Scazzi, Michele Misseri dice la verità?

Sarah Scazzi, Michele Misseri dice la verità?

[ad#Juice 300 x 250][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay][ad#Cpx Popunder]

TARANTO, 6 NOV. – Michele Misseri dice la verità? E’ veramente stata Sabrina ad uccidere l’amata cugina Sarah? Si infittisce ulteriormente l’inchiesta sul delitto di Sarah Scazzi dopo l’ennesimo interrogatorio fiume che ha coinvolto il contadino di Avetrana. Secondo indiscrezioni Michele Misseri avrebbe addossato tutte le colpe dell’omicidio sulla figlia Sabrina, accusandosi esclusivamente della fase di occultamento del cadavere.

Da due settimana il difensore di Misseri aveva riferito pubblicamente che il suo assistito intendeva ritrattare la seconda parte della confessione fatta nella notte tra il 6 e il 7 ottobre, quando contribuì anche al ritrovamento del cadavere di Sarah nel pozzo cisterna di Contrada Mosca. E’ la parte riguardante il presunto stupro del cadavere, del quale pure il contadino si era accusato dinanzi agli investigatori.

Negli ultimi giorni la figlia maggiore di Michele Misseri, Valentina, dopo averlo incontrato in carcere, aveva annunciato novità clamorose, facendo intendere che il padre avrebbe parlato nuovamente agli inquirenti forse per scagionare l’altra figlia Sabrina. I fatti hanno smentito i rumors: Sabrina diventa la principale accusata dell’omicidio, almeno secondo le parole del padre

L’ennesimo interrogatorio-fiume di Misseri cade, peraltro, a soli tre giorni dall’udienza dinanzi al tribunale del Riesame di Taranto nella quale verrà discusso il ricorso presentato dai legali di Sabrina, gli avvocati Vito Russo e Emilia Velletri, per far annullare l’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale di Taranto Martino Rosati nei confronti della giovane, detenuta nello stesso carcere con le accuse di sequestro di persona e concorso in omicidio.

Ier gli stessi difensori di Sabrina hanno depositato il loro parere negativo all’incidente probatorio per l’esame di Michele Misseri chiesto dalla Procura al gip Rosati. Per Russo e Velletri, non ci sarebbe pericolo che a distanza di mesi Michele Misseri possa dimenticare elementi importanti della vicenda e della chiamata in correità della figlia Sabrina, e l’incidente probatorio sarebbe “inopportunò con le indagini ancora in corso. Sempre oggi, all’ora di pranzo, in carcere si erano visti, separatamente, anche lo stesso Russo e le sorelle Cosima ed Emma Serrano; tutti hanno fatto visita a Sabrina.

APPRFONDIMENTI  Dove sposarsi in Riviera Romagnola: tre destinazioni da sogno

Massimiliano Riverso

Leave a Reply

Your email address will not be published.