Cdm vara il pacchetto sicurezza

Cdm vara il pacchetto sicurezza

[ad#Juice 300 x 250][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay]

BOLOGNA, 5 NOV. – Riapprovato in Consiglio dei Ministri il “pacchetto sicurezza” con l’aggiunta di una nuova norma  in materia di prostituzione. Le nuove misure riguardano: la violenza  negli stadi, la “liberalizzazione” delle connessioni wireless, rafforzamento dell’agenzia nazionale per la gestione dei beni confiscati alla mafia, una stretta sulla prostituzione da strada e l’espulsione anche per cittadini comunitari.

Il ministro Maroni, principale artefice della normativa in conferenza stampa ha illustrato le principali novità. Viene  reintrodotta la possibilità di arresto in flagranza differita  entro 48 ore dal termine della manifestazione sportiva teatro di scontri , più poteri di controllo e tutele legali vengono attribuite agli steward. Si taglia la burocrazia per l’accesso a reti wireless pubbliche, niente più registri e controllo dei documenti d’identità, superando così il decreto Pisanu del 2005.

Su questo punto fa sentire la sua voce il procuratore nazionale Antimafia Piero Grasso, che sottolinea come d’ora in pi sarà più difficile identificare chi commette reati su internet, tra questi terroristi e mafiosi. In materia di mafia, l’agenzia nazionale per la gestione dei beni confiscati alla mafia potrà autofinanziarsi, mettendo a reddito parte delle confische. Il pacchetto prevede inoltre la possibilità di espellere per motivi di ordine pubblico anche i cittadini comunitari se sprovvisti dei requisiti per risiedere nel nostro paese oltre i 90 giorni ( avere un lavoro, un’abitazione consona e un reddito).

Rafforza il ruolo dei sindaci la norma in materia di prostituzione,  creando  un legame più stretto tra forza di polizia e esecutivi locali, ma non va oltre una semplice norma in materia di ordine pubblico applicando la misura del foglio di via solo all’esercizio della prostituzione su strada. Infine è prevista l’introduzione della carta d’identità elettronica in ottemperanza dagli standard internazionali di sicurezza.

di Maria Scopece

[ad#Cpx Popunder][ad#Aruba Banner]

Leave a Reply

Your email address will not be published.