Vendola vuole fare l’americano. Il leader di Sel negli States per 7 giorni

Vendola vuole fare l’americano. Il leader di Sel negli States per 7 giorni

[ad#Juice 300 x 250][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay]

BOLOGNA, 5 NOV. – Un viaggio in America per fare quel salto qualitativo e ritagliarsi un profilo international che gli servirebbe per competere a livello nazionale.

Il leader di Sinistra e Libertà sarà sabato prossimo, secondo quanto riportato da La Repubblica oggi, negli Stati Uniti (Bersani era stato nei mesi scorsi) per sette giorni, con un programma ben scandito e una agenda fitta di impegni.

Incontri con giornalisti, studiosi, ma nell’agenda di Nichi Vendola soprattutto “spazio agli incontri con le comunità e i movimenti, e niente anticamere per incontrare poi alla fine solo qualche politico di seconda o terza fila dei democratici Usa”. Ancora, cene con imprenditori e sindacalisti, incontri con comitati filo-Obama. Vedrà anche Schwarzeneger in California e, forse, se gli riuscirà anche il neo governatore di New York, Andrew Cuomo, stella nascente dei democratici americani. Al convegno contro l’inquinamento vedrà James Cameron, regista di Avatar e Titanic.

Si comincia il 15 e 16 novembre all’Università di David, San Francisco, ospite dell’ex governatore della California per il summit sul cambiamento del clima. A unire la strana coppia è la battaglia ecologica; da sottolineate che il Governatore della Puglia è stato l’unico italiano chiamato al convegno, riconoscendo i suoi sforzi per una Puglia più verde. E, ancora, la proposta di far parte di R20, il Regions of Climate Action, una nascente rete mondiale che raggrupperà gli amministratori più virtuosi.

Il 17 per Nichi Vendola sarà la volta della East Cost con una conferenza pubblica alla New York University per raccontare l’Italia del sud, con lui anche i professori della Columbia, Nadia Urbinati e Pasquino. Mentre il 18 sarà ospite della cattedra di storia contemporanea per una lezione di politica alla Georgetown di Washingotn.

Chissà come l’America accoglierà “l’uomo con l’orecchino” che vuole fare il Premier. Per il momento Vendola ha riscosso ‘simpatie’ da parte di alcuni corrispondenti americani nel nostro Paese (NYT e Wall Street Journal).

Di Manlio Scimeca

[ad#Aruba Banner][ad#Cpx Popunder]

Leave a Reply

Your email address will not be published.