Esplosione in una azienda chimica: sei ustionati gravi. Chiusa la Milano-Meda

Esplosione in una azienda chimica: sei ustionati gravi. Chiusa la Milano-Meda

[ad#Juice 160 x 600][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay][ad#Cpx Popunder]

MILANO, 4 OTTOBRE – Nel primo pomeriggio si è verificata una forte esplosione alla Eureco, una ditta di smaltimento di rifiuti tossici e pericolosi a Paderno Dugnano , nel milanese. Il bilancio dei feriti è a sette, dei quali sei hanno subito ustioni gravi. La causa è ancora da accertare e non è escluso un errore umano.

Stando ai primi risultati il grado di tossicità dell’aria, nella zona circoscritta al luogo dell’esplosione, è basso. L’ Arpa, l’ Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale, è intervenuta per effettuare le dovute verifiche ed è stato raccomandato alle persone delle abitazioni limitrofe di tenere chiuse  le finestre.

I sei che hanno subito ustioni più gravi, sono stati intubati sul posto e trasferiti d’urgenza in diversi ospedali della provincia. Non ci sono molte abitazioni nei dintorni della fabbrica, sono presenti però tre centri commerciali che fortunatamente non hanno subito alcun danno e non sono in situazione di pericolo.

Stando a ciò che hanno detto i vigili del fuoco e alle dichiarazioni di alcune persone che vivono nelle case vicine alla fabbrica, hanno succeduto alla prima esplosione, la più forte, altre esplosioni di minore intensità e si sono levate in aria dense colonne di fumo nero.

Vengono, inoltre, tenute sotto controllo alcune bombole di acetilene che si sono surriscaldate e che potrebbero esplodere, anche a distanza di ore. Sono state avviate le operazioni di raffreddamento per evitare esplosioni tardive. Per tale ragione un tratto della superstrada Milano-Meda è stato parzialmente chiuso al traffico

Isabella Anna Ricciardi

Leave a Reply

Your email address will not be published.