Sarah Scazzi, la tragedia di Avetrana adesso è un film

Sarah Scazzi, la tragedia di Avetrana adesso è un film

[ad#Juice 300 x 250][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay][ad#Cpx Popunder]

Taranto 2 novembreQuello che è stato un tragico delitto, dopo aver suscitato un terribile vortice mediatico intorno al paese di Avetrana, adesso è diventato un film. Durante la trasmissione ‘L’indiano’, sull’ente televisiva locale Telerama, è stato trasmesso un filmato di sei minuti sulla vicenda.

Stefano De Tommasi, regista del filmato, ha interpretato il ruolo di Michele Misseri, zio di Sarah, mentre l’ attrice protagonista è stata scelta in base ad una fisionomia  simile alla protagonista della vera tragedia, bionda, occhi chiari, esile. Nei sei minuti della pellicola vengono ripercorsi gli ultimi momenti di vita della Scazzi del 26 agosto a partire dalle 14.30 quando la ragazza uscì di casa per andare al mare con la cugina.

Trattandosi di un film record, prodotto a caso ancora irrisolto, presenta le tre versioni finora ipotizzate dalle forze dell’ordine: lo zio tenta l’approccio sessuale sulla nipote e poi la strangola; Michele uccide la ragazzina e la nasconde sotto un cartone quando arriva Sabrina che non si accorge del corpo della cugina;  padre e figlia uccidono Sarah per non diffondere in paese le notizie sulla violenza sessuale da parte di Michele Misseri.

Ilaria de Lillo

APPRFONDIMENTI  Droni e privacy: un rapporto difficile da portare avanti

Leave a Reply

Your email address will not be published.