BOSSI INCONTRA FINI PER IL DDL INTERCETTAZIONI. BERLUSCONI STIZZITO

BOSSI INCONTRA FINI PER IL DDL INTERCETTAZIONI. BERLUSCONI STIZZITO

[ad#Juice Banner][ad#Juice Overlay]

Roma, 18 giugno – Anche il Senatur scende in campo per salvare il ddl intercettazioni. Dopo un incontro con Gianfranco Fini, non comunicato al presidente del consiglio, ha dichiarato: «Serve un’intesa con il Quirinale, se non firma siamo fregati».

Non si esclude, quindi, la cesura del testo dopo la pausa estiva. Una possibilità ormai condivisa anche da Berlusconi, seppur irritato dal comportamento del non più fidato Fini. Secondo i suoi collaboratori alla notizia dell’incontro avrebbe affermato: ”o mi lasciano governare o è meglio andare a votare, perché non voglio galleggiare come hanno fatto i governi che mi hanno preceduto”.

La presa di posizione di ieri del leader della Lega Nord Umberto Bossi che si era detto pronto a prendere in considerazione l’ipotesi di modificare il ddl intercettazioni è piaciuta al presidente della Camera Gianfranco Fini. Quando stamattina Bossi si è avvicinato in Aula allo scranno presidenziale, Fini lo ha ringraziato della sua ‘apertura’ sul fronte del ddl e l’esponente del Carroccio ha chiesto un breve colloquio proprio per fare il punto sul provvedimento. Il colloquio tra i due leader della maggioranza si è svolto nella sala del governo, proprio dietro l’Aula di Montecitorio, ed è durato oltre 20 minuti.

Rita Parrella

[ad#Cpx Banner][ad#Cpx Popunder]

Leave a Reply

Your email address will not be published.