CESSIONE BOLOGNA FC, TOTO ACQUIRENTI E RABBIA TIFOSI PER UNA SITUAZIONE IN CONTINUO STALLO

CESSIONE BOLOGNA FC, TOTO ACQUIRENTI E RABBIA TIFOSI PER UNA SITUAZIONE IN CONTINUO STALLO

Bologna, 18 Giugno Renzo Menarini, patron del Bologna Calcio, è sempre stato una persona molto cauta e calma negli affari. Ora però la sua eccessiva prudenza sta facendo innervosire i tifosi.

È da prima che finisse il campionato che si parla dei problemi societari e della volontà di tutta la famiglia di vendere. Inizialmente si parlava di due acquirenti segreti, poi è sfumato tutto quanto. In un secondo momento si è giunti a parlare di imprenditori bolognesi interessati all’acquisto della squadra di calcio che si era confermata in serie A e poi? Anche qui non si è saputo nulla. Sono venuti a galla i debiti. La mancanza dei pagamenti degli stipendi e la ricerca dei fondi per l’iscrizione al prossimo campionato.

I tifosi che avevano chiesto di meglio odoravano già la puzza di bruciato e vedevano, solo ad inizio estate, tutti i sogni infranti. Addio calcio-mercato e addio speranze di gloria per il prossimo anno.

Più avanti si è iniziato a parlare del fondo straniero Barclay’s come il più accreditato acquirente del Bologna. Le trattative continuano? Non è dato saperlo. Unico dettaglio reso pubblico è la somma che il fondo londinese avrebbe sborsato ovvero 22,5 milioni contro i 30 richiesti dai Menarini.

Le notizie impazzano. Alcuni danno il Bologna come venduto, altri invece sottolineano aspetti e retroscena poco chiari. Il tira e molla continua all’infinito.

In queste ultime ore viene dato come certo acquirente un cagliaritano di 51 anni, Sergio Porcedda.

L’uomo è un albergatore e un immobiliarista. Nel suo curriculum si può leggere che ha partecipato al bando di concorso per l’appalto dell’ospedale Marino di Cagliari, è proprietario di un noto stabilimento balneare, è socio di una discoteca con la figlia di Marco Tardelli, è consigliere della finanziaria «Regione Sardegna» e infine che nel 2005 è salito alla ribalta delle cronache sportive per aver tentato la scalata al Cagliari.

Forse Renzo Menarini non ha tutti i torti a vagliare con molta attenzione la proposta ma il pubblico dei tifosi aspetta con ansia buone notizie e spera che il tira e molla finisca il prima possibile in modo che si possa far partire una buona campagna acquisti e si possa strare tranquilli sulle sorti della squadra.

La famiglia Menarini ha dovuto inoltre affrontare altri due problemi proprio ieri. Uno riguarda il processo a Roma per la vicinanza con Moggi, l’altro riguarda il raduno dei tifosi per un dibattito pubblico a Casalecchio. Renzo Menarini non si è presentato da nessuna parte. A Casalecchio è andato Pier Giovanni Ricci. I 500 tifosi presenti hanno mantenuto la calma. Nessun coro di contestazione. Ormai si cerca di capire come possono andare le cose. Il fiato per contestare sembra quasi fiato sprecato.

I tifosi hanno poi parlato della Tessera del tifoso e si sono così confrontati sulle normative e le leggi in vigore ragionando sul da farsi per il prossimo campionato.

Tutti aspettano a breve buone notizie. In fondo per accontentare i tifosi basta poi poco. Non vogliamo mettere fretta ai Menarini perché la decisione da prendere è importante e bisogna controllare bene le mani nelle quali finirà la società, però se si potesse essere un po’ più chiari e meno sibillini tutti quanti potrebbero partecipare e dibattere insieme sull’acquirente migliore. Ciò che più ha stancato sono le mezze notizie annunciate e poi smentite.

Alessandra Solmi

Leave a Reply

Your email address will not be published.