ZAIA CUORE PADANO: SOSTITUISCE L’INNO DI MAMELI COL VA’ PENSIERO. BUFERA SI ABBATTE SUL CARROCCIO

ZAIA CUORE PADANO: SOSTITUISCE L’INNO DI MAMELI COL VA’ PENSIERO. BUFERA SI ABBATTE SUL CARROCCIO

[ad#Juice Banner]

TREVISO, 13 GIU. Il ‘Va’ Pensiero’ padano sostituisce il patriottico Inno di Mameli. E’ successo al taglio del nastro di una nuova scuola elementare a Fanzolo di Vedelago, piccolo centre in provincia di Treviso per volere – secondo quanto riporta’La Tribuna’ di Treviso – del presidente della Regione Veneto, Luca Zaia.

“Niente inno italiano finché ci sono io”, avrebbe dichiarata Zaia attraverso il suo portavoce, meglio il ‘Va’ pensiero’. L’inno d’Italia sarebbe stato poi eseguito al termine della cerimonia d’inaugurazione. Insieme al governatore leghista c’era anche il presidente della provincia Leonardo Muraro e Carmela Palumbo, direttrice dell’ufficio scolastico regionale, indignata dall’episodio.

Oggi però il portavoce del presidente del Veneto, Giampiero Beltotto chiarisce: Zaia “teneva in mano la bandiera dell’Italia durante l’Inno di Mameli”. E bolla come “inutile” la polemica che è stata sollevata. Zaia, infatti, spiega Beltotto, “non era neppure presente quando io ho parlato con gli organizzatori dell’inaugurazione. Loro mi hanno chiesto – racconta – come inserire nel programma della cerimonia un canto di bambini, io ho consigliato loro di inserirlo all’inizio”. Poi ho suggerito di ”evitare di eseguire il Va’ Pensiero e l’Inno di Mameli uno attaccato all’altro per evitare polemiche. Quando poi mi hanno chiesto se potevano eseguire l’Inno alla fine della cerimonia, ho detto che andava bene e così è stato. E ripeto il governatore in tutto questo non era presente”.

Redazione

[ad#Cpx Banner][ad#Aruba Banner][ad#Cpx Popunder]

Leave a Reply

Your email address will not be published.