IN ITALIA SIAMO PIÙ DI 60 MILIONI: SALGONA AL 7% GLI STRANIERI

IN ITALIA SIAMO PIÙ DI 60 MILIONI: SALGONA AL 7% GLI STRANIERI

[ad#Juice Banner][ad#Juice Overlay][ad#Cpx Popunder]

ROMA, 7 GIU. – Sono state diffuse questa mattina le statistiche demografiche Istat aggiornate al 31 dicembre 2009: i residenti in Italia risultano 60.340.328, con un incremento di 295.260 unità (+ 0,5%) in gran parte dovuta alle maggiori nascite di stranieri nel nostro Paese; 14 neonati su 100 sono stranieri.

Sono state censite 24 milioni 905mila famiglie anagrafiche composte, mediamente, da 2,4 persone (dato stabile sul 2008).

Per quanto riguarda la presenza di cittadini stranieri sul totale, la loro presenza si attesta al 7% del totale, + 0,5% sul 2008; in particolare le migrazioni sono concentrate nelle aree centro-settentrionali del Paese (intorno al 9% della popolazione), mentre rimane marginale al Mezzogiorno (2,7% in media).

Continua il trend di denatalità delle donne italiane: in saldi assoluti, i nuovi nati sono stati 568.857, i decessi 591.663, con un saldo negativo di – 22806 unità. Il tasso di natalità varia dal 7,6 per mille della Liguria, al 10,4 della provincia autonoma di Bolzano, per un media nazionale che si attesta sul valore del 9,5 per mille.

Le grandi città del Nord continuano a popolarsi a discapito dei piccoli centri: Milano (+9,1%), Firenze (+8,8%), Roma (+7,1%); la maglia nera va a Palermo (-5,1%), a conferma di un Sud sempre più distaccato dal resto d’ Italia.

Italiani mammoni? Sembrerebbe proprio di sì, o quanto meno legati al tradizionale valore domestico della famiglia: ben il 99,5% dei residenti vive in famiglia e il restante 0,5% in convivenze anagrafiche (caserme, istituti religiosi e di cura, carceri).

Antonio Ricucci

[ad#Cpx 300 x 250] [ad#Cpx 300 x 250]

Leave a Reply

Your email address will not be published.