VIRTUS BOLOGNA, KOPONEN FUORI TUTTA LA STAGIONE E SABATINI PENSA AL MERCATO

VIRTUS BOLOGNA, KOPONEN FUORI TUTTA LA STAGIONE E SABATINI PENSA AL MERCATO

[ad#Juice Banner][ad#Juice Overlay]

La Scavolini festeggia dopo la vittoria sulla Virtus BolognaPESARO, 23 APRILE – Doveva essere un testacoda tra l’aspirante più probabile al secondo posto e una squadra che nonostante gli investimenti si è ritrovata nelle ultime posizioni e in lotta per non retrocedere. Si è rivelato un’imbarazzante partita a senso unico per la Scavospar che con questa vittoria compie un passo decisivo per la salvezza. Chi l’avrebbe detto?

SFORTUNA VIRTUS. Beh, qualche segnale c’era. Primo fra tutti il buon momento di forma di Pesaro che veniva da due vittorie consecutive che l’hanno rassicurata in una posizione di classifica più tranquilla. Ma soprattutto era la Virtus di Lardo a non comunicare troppo affidabilità dopo la tegola gigantesca che è caduta sulla testa di Sabatini e sottoposti.

La stagione di Petteri Koponen è finita. Frattura da stress alla piede per il finnico. Fuori almeno 4 mesi. Lo stesso infortunio che ha martoriato la carriera di Yao Ming per dire un illustre predecessore del ragazzo finladese. Inizio senza Collins + fine senza Koponen = Sfiga nera.

Senza le accellerazioni di Koponen, la Canadian Solar si è presentata all’atipico anticipo di giovedì con diversi punti interrogativi. Ad una squadra che segna pochissimo e basa tutto sulla difesa sottrarre le lunghe braccia bianche e i ben 11 di media del finladese potrebbe essere fatale.

MAI IN PARTITA. Infatti all’Adriatic Arena di Pesaro tutto è andato storto. In Primis l’atteggiamento arrendevole della squadra che raramente quest’anno ha dato idea di essere in balia degli eventi come contro Pesaro.

La partita in realtà è durata solo un tempo. Il primo quarto, quando Collins rubando un paio di palloni al suo pariruolo Green deve fatto arrabbiare il piccolo grande uomo Marquees, mvp con Avellino tre anni fa.

Il signor Green spara allora due bombe da casa sua e spacca la partita complice l’aridità sahariana nel tiro da 3 virtussino (1/7 nel primo tempo) e la devastante statistica di 18 palle perse totali. Se a queste cifre si aggiunge un Moss da 2 punti e un Hurd che è entrato in partita a buoi abbondantemente scappati, la debacle bianconera si spiega senza ulteriori specifiche. Regalare due americani significa perdere in questo campionato.

SI SALVANO COLLINS E MORASCHINI. L’unico che ci prova è Collins che ingaggia un duello con Green ma dai risultati alterni. L’ex ferrara ne fa 19 e l’ex avellino 17 ma Marquees li condisce con 6 assist contro lo 0 spaccato di Andre. Pesaro girà meglio e Cvetkovic bombarda sugli scarichi del piccolo grande uomo Marquees, sfornando 23 punti che sanno di salvezza anticipata.

Poi si prende una storta anche Collins e la partita da finita si trasforma in morta e sepolta.

Nemmeno un doppio tecnico, di scuola Popovic, rimediato da Lino Lardo sveglia la Canadian.

Encefalogramma piatto e tutti a casa con i compiti da fare. Unici sufficienti oltre a Collins i due ragazzi che dovranno momentaneamente sostituire Koponen. Molto bene Moraschini e benino anche Fontecchio. Piccoli Cinni crescono.

DELUSO SABATINI CHE PENSA AL MERCATO. Sabatini che dopo una sconfitta del genere di solito dà di matto la prende con filosofia.“L’unica cosa positiva di questa sera è che dovremo dimenticarla in fretta perché domenica si gioca contro Cremona, una gara per noi importante”.

Lardo accusa il colpo ma crede nel gruppo: Solo ieri mattina abbiamo saputo dell’infortunio di Petteri, al di là di questa gara il nostro è un gruppo super che mi dà e dà soddisfazione perché lavora bene insieme e i giocatori sono in buoni rapporti tra di loro. Non ci sono scusanti per come abbiamo giocato questa partita. ma dalla mattinata al prepartita tra di noi parlavamo solo di quanto era avvenuto a uno di noi. La squadra deve essere matura e pronta a ogni evenienza, ma questa da digerire è una brutta botta. Ci dispiace doppiamente aver perso questo incontro, perché volevamo vincerlo per dedicarlo proprio a Petteri”.

La Virtus ora è sul mercato a caccia di un sostituto per il finlandese. Possibilmente non al risparmio come con Scoonie Penn. Se la Canadian vuole giocarsela nei play-off, almeno prima di incontrare Siena, c’è bisogno di un colpo con passaporto comunitario di medio-alto livello (difficile senza spendere una fortuna) oppure un americano con molti punti in mano che implicherebbe l’inevitabile taglio del deludente Hurd.

Marco Spano

[ad#Juice 300 x 250] [ad#Zanox 300 x 250]

Leave a Reply

Your email address will not be published.