EMERGENCY: I TRE OPERATORI PRONTI AD ATTERRARE IN ITALIA. NESSUN ACCORDO DIETRO IL RILASCIO

EMERGENCY: I TRE OPERATORI PRONTI AD ATTERRARE IN ITALIA. NESSUN ACCORDO DIETRO IL RILASCIO

[ad#Juice Banner]

KABUL, 20 APR. – I tre operatory di Emergency coinvolti nella vicenda dell’ospedale di Lashkar-gah (provincia afghana di Helmand) sono partiti stamani da Kabul, diretti a Roma, via Dubai. Marco Garatti, Matteo dell’Aira e Matteo Pagani, accompagnati dall’inviato speciale della Farnesina Massimo Iannucci, dal consigliere giuridico Rosario Aitala e da almeno due altre infermiere di Emergency che lavoravano a Lashkar-gah, si sono imbarcati su un volo della compagnia afghana Safi, poco dopo le 8 (le 5,30 italiane). “Siamo contenti di partire. Ci rivediamo in Afghanistan”, ha detto Garatti mentre si avviava verso la porta di imbarco del volo. Il loro arrivo in Italia è previsto in serata.

NESSUN ACCORDO DIETRO RILASCIO – Dietro il rilascio di Marco Garatti, Matteo Pagani e Matteo Dell’Aira non c’é alcun accordo: lo afferma Emergency, smentendo le notizie di stampa secondo cui la chiusura dell’ospedale di Lashkar-gah sarebbe stata una delle condizioni per il rilascio dei suoi operatori.

[ad#Juice Overlay][ad#Juice Banner]

Leave a Reply

Your email address will not be published.