INTERCETTAZIONI SU ANNOZERO: BERLUSCONI INDAGATO A ROMA PER CONCUSSIONE E MINACCE

INTERCETTAZIONI SU ANNOZERO: BERLUSCONI INDAGATO A ROMA PER CONCUSSIONE E MINACCE

BOLOGNA, 25 MAR. – Un’ulteriore indagine grava, ora, sulle spalle del Premier. Da Trani a Roma si è spostata l’inchiesta sul caso “Annozero: Silvio Berlusconi, infatti, compare, da oggi, iscritto sul registro degli indagati della Procura della capitale.

La decisione di inserire il Cavaliere nel registro è stata valutata attentamente in una riunione a cui hanno preso parte il procuratore Giovanni Ferrara, , il neocoordinatore del gruppo che si occupa dei reati contro la pubblica amministrazione, Alberto Caperna, e i pm Caterina Caputo e Roberto Felici.

Durante l’incontro i magistrati, sulla base dei fascicoli proveniente dalla procura pugliese, hanno ritenuto oppurtuno confermare le ipotesi di reato fomulate dai colleghi di Trani e di mantenere, quindi, inalterate le accuse contro il primo ministro.

Il premier risulta indagato per concussione e minacce ad un corpo politico, amministrativo o giudiziario (rappresentato, in questo caso, dalla commisione di vigilanza), a seguito delle intercettazioni telefoniche in cui si evincerebbero le pressioni che il presidente avrebbe esercitato su il commissario dell’Agicom, Giancarlo Innocenzi, al fine di far interrompere il programma di Michele Santoro.

Nonostante la sospensione dalla Rai, l’agguerrito conduttore di Rai due appare, però, uscito più forte da questa eterna diatriba con il premier e continua a professare con più ardore che mai il diritto di libera informazione. Prova ne sia il successo annunciato di Rai per una notte, la manifestazione organizzata dalla redazione di Annozero che si terrà fra poche ore a Bologna e che ha già registrato un numero impressionante di ospiti e di pubblico.

Ora, però, l’unica cosa che viene da chiedersi è questa: perchè, per un governo democratico come il nostro, un paio di giornalisti come Travaglio e Santoro sono più temibili dei leader dell’ opposizione?

Per Napoleone Manzoni scrisse Ai posteri l’ardua sentenza. Per Berlusconi la sentenza è affidata ai giudici.

Florinda Gargiuoli

APPRFONDIMENTI  Dove sposarsi in Riviera Romagnola: tre destinazioni da sogno

Leave a Reply

Your email address will not be published.