ANNA MARIA BERNINI SICURA DI VINCERE: OFFRIAMO SOLUZIONI MIGLIORI

ANNA MARIA BERNINI SICURA DI VINCERE: OFFRIAMO SOLUZIONI MIGLIORI

Anna Maria Bernini sorridenteBOLOGNA, 25 MARZO – Intervistata dal Corriere, Anna Maria Bernini, candidata per pdl e Lega Nord alla presidenza della Regione Emilia Romagna, ha affermato di non voler ricorrere a mezzucci quali quelli giudiziari, nella sua sfida contro Vasco Errani. «I nostri elettori hanno finalmente la speranza di poter vincere anche qui. Ma sfido Errani sui contenuti e lo accuso di aver avuto una responsabilità politica per quello che è successo con il caso Delbono, la via giudiziaria non mi riguarda».

Il punto chiave nel suo programma in Regione è il taglio ai costi della politica e della burocrazia, perché questo “impatta tutto il resto”. «I risparmi potranno così essere riversati sui cittadini utenti, sui cittadini lavoratori e sui cittadini imprenditori». Altri costi da abbattere sono quelli riguardanti le consulenze e le missioni, che “hanno ormai oltrepassato la soglia di umana sopportazione”. «Anche Errani si è accorto delle nostre sollecitazioni e ha promesso di farlo ma è troppo tardi».

Alla provocazione di Gian Luca Galletti, candidato alla presidenza per l’Udc, che sostiene che lei sia inesperta sul piano amministrativo e utile solo alle sfilate dei ministri del governo Berlusconi, la Bernini replica: «Questa è bassa polemica politica. I ministri sono venuti qui a parlare dei loro provvedimenti che interessano i cittadini della Regione. Quelli dell’Udc fanno gli spiritosi sulla pelle dei cittadini. Votare l’Udc è davvero inutile, o meglio è un voto dato ad Errani. In questi mesi il partito di Casini si è dimostrato un alleato fedelissimo del governatore».

E riguardo alla mossa di Enzo Raisi, che ha portato in Procura dossier contenenti casi di malgoverno che coinvolgono direttamente Errani, Anna Maria non esprime giudizi. «Io non ho alcuna informazione da trasmettere in Procura. Ho denunciato quella che a mio avviso è la responsabilità politica di Errani rispetto alle cose che sono successe e che hanno riguardato il suo vice. Penso che i politici si debbano occupare di merito e di contenuti».

Alla domanda se, in caso di sconfitta, intende mantenere la posizione da leader dell’opposizione in consiglio regionale o se preferisce rimanere in Parlamento, la Bernini risponde che è assolutamente convinta di vincere. E quando il cronista le rammenta che parte da una distanza di trenta punti, considerando il voto di 5 anni fa, lei replica: «Cinque anni fa la situazione era molto diversa. L’unica cosa che interessa ai nostri elettori è avere finalmente la speranza di vincere».

Nel capoluogo ultimamente si litiga anche sul ricordo delle stragi. Il presidente dell’associazione famigliari della strage della stazione, Paolo Bolognesi, si è opposto all’idea di un ricordo comune per tutte le stragi che hanno scosso Bologna. A questo proposito, la sua opinione è che le due cose possono convivere. «Penso che sia giusto un ricordo generale di tutte le stragi, pur continuando a celebrare anche il 2 agosto». Ma riguardo a un muro della memoria, come proposto da Mauro Zani, lei si dice contraria. «Non mi piacciono i muri, preferisco abbatterli».

Con i faccia a faccia in programma oggi e domani in televisione, c’è da chiedersi come intende affrontare Errani. «Gli chiederò quali carte ha intenzione di lasciarmi sulla scrivania per il mio primo giorno da presidente. A parte gli scherzi visto che lui ha dichiarato che non ha mai alzato il telefono per sponsorizzare un primario gli chiederò come mai la politica è così presente nella sanità».

Sempre più convinta della vittoria, dal momento che “bisogna favorire un’alternativa e perché offriamo soluzioni migliori”, Anna Maria Bernini conferma anche che intende apportare delle modifiche alla legge che equipara famiglie e coppie di fatto per quanto riguarda i diritti di accesso ai servizi della Regione. «Intendo abrogarla perché non sono per la frammentazione della società e perché la famiglia è quella prevista dalla Costituzione».

Mara Monfregola

Leave a Reply

Your email address will not be published.