CASO MARRAZZO: LA PROCURA PROCEDE PER OMICIDIO VOLONTARIO CONTRO IL MARESCIALLO TESTINI

CASO MARRAZZO: LA PROCURA PROCEDE PER OMICIDIO VOLONTARIO CONTRO IL MARESCIALLO TESTINI

ROMA, 25 MAR. – Un nuovo inquietante risvolto nelle indagini sullo scandalo “trans” che portò alle dimissioni del Governatore del Lazio, Piero Marrazzo, nonché all’omicidio della transessuale Brenda e alla morte del pusher Cafasso: il procuratore aggiunto di Roma, dott. Capaldo ed il suo sostituto, Rocco Sabelli, procedono all’accusa di omicidio volontario per il maresciallo dei Carabinieri Nicola Testini.

Gli inquirenti sono convinti che sia stato quest’ultimo a consegnare materialmente a Cafasso, già obeso e diabetico, uno “speedball” di eroina purissima, che ne ha causato la morte; secondo le accuse della trans Jennifer, un’altra protagonista di questo intrigo, Testini ha consegnato una dose micidiale a Cafasso a Saxa rubra, lungo la Via Flaminia…e non era la prima volta.

Le accuse trovano riscontro nelle ispezioni del Ros dei Carabinieri sui tabulati telefonici di Cafasso e Testini che ad un certa ora della giornata dell’11 settembre 2009, coincidente con i ricordi della testimone, vengono agganciati entrambi dalla cella di Saxa Rubra. A questo punto, probabilmente, l’omicidio di Cafasso doveva essere stato architettato per sembrare una fine “normale” per un pusher diabetico e sovrappeso, che viene trovato morto nella sua stanza del motel “Romolus” sulla via Salaria.

Cafasso era diventato un ingombro per gli indagati coinvolti, in primis per Simeone e Tagliente, che hanno “sorpreso” Marrazzo in casa della trans Natali: in precedenza è Cafasso che per primo offre il video al quotidiano “Libero”, che rifiuta; successivamente, i quattro si mettono d’accordo con l’agenzia milanese “Photo-Masi” per la cifra di 60mila euro, escludendo il pusher; Simeoni ha ammesso, con dichiarazioni rese alla Procura la scorsa settimana, di essere l’autore materiale del video girato per incastrare Marrazzo.

Antonio Ricucci

Leave a Reply

Your email address will not be published.