PISA, LA PROCURA APRE UN’INCHIESTA SULLA MORTE SOSPETTA DI GIOVANNI D’ANGELO

PISA, LA PROCURA APRE UN’INCHIESTA SULLA MORTE SOSPETTA DI GIOVANNI D’ANGELO

[ad#Google Adsense Banner City]

PISA, 7 GEN. – È andato in ospedale, a Pisa, per un dolore sospetto al petto e, dopo una serie di analisi, i sanitari lo hanno dimesso, diagnosticando un semplice strappo muscolare e prescrivendo un antidolorifico. Poche ore dopo l’uomo ha accusato un improvviso malore ed è morto, forse a causa di un infarto.

La vittima è Giovanni D’Angelo, imprenditore edile, 29 anni, di Cascina (Pisa), sposato e padre di un figlio di 4 mesi. La notizia è stata pubblicata sulle edizioni locali di alcuni quotidiani.

La procura di Pisa ha aperto un’inchiesta sulla base di una querela presentata ai carabinieri dai familiari della vittima.

L’uomo ha cominciato ad accusare dolori lunedì mattina, mentre stava lavorando in un cantiere edile a Cascina. Intorno a mezzogiorno il padre lo ha accompagnato alla Misericordia di Navacchio. Dopo una prima visita D’Angelo è stato trasportato in ambulanza, con codice rosso, al pronto soccorso all’ospedale Santa Chiara di Pisa da dove, a metà pomeriggio, è stato dimesso con la prescrizione di un antidolorifico. Tornato casa, intorno alle 23 l’uomo ha accusato un malore ed è morto.

Redazione

[ad#Google Adsense Banner]

APPRFONDIMENTI  Il Times incorona Bologna: 'Fico' è tra le tappe da scoprire

Leave a Reply

Your email address will not be published.