BANDA DEL BUCO A ROMA: I SOMMOZZATORI SVENTANO RAPINA

BANDA DEL BUCO A ROMA: I SOMMOZZATORI SVENTANO RAPINA

NAPOLI, 2 DIC. – Ricordate i film di Totò in cui si vendeva la Fontana di Trevi o all’interno di una copisteria si falsificavano banconote. Pensate che siano tempi lontani? Remoti? E, no!
Proprio nella patria del grande Totò, una banda di ladruncoli ha pensato di mettere in atto una rapina ai danni di un’agenzia della BNL in Piazza dei Martri. Come passare innocui, in pieno centro, sotto gli occhi di tutti? Facile: con la tecnica del “buco”.
I passanti, però, insospettiti dal rumore che proveniva dalle fogne hanno lanciato l’allarme richiamando sul posto i carabinieri. Così, una squadra del Nucleo Subacquei di Napoli ha sventato la rapina.
Gli specialisti subacquei, scesi dai tombini adiacenti la Banca Nazionale del Lavoro, hanno subito notato due grosse aperture che dagli impianti sotterranei conducevano alle pareti e ai pavimenti della banca. L’ultimo diaframma di mattoni di tufo, così come accade sempre nei colpi della banda del buco, sarebbe stato abbattuto pochi secondi dopo l’ingresso degli impiegati.
Nei cunicoli, dove è difficile e pericoloso dimenarsi senza una adeguata conoscenza dei luoghi per via della presenza di grate, ostacoli e molti cavi elettrici, i subacquei hanno ritrovato materiale utile allo scavo e una lampadina collegata a una prolunga.

Rita A. Cirelli

[ad#Google Adsense Banner City]

APPRFONDIMENTI  Droni e privacy: un rapporto difficile da portare avanti

Leave a Reply

Your email address will not be published.