SCACCO MATTO A COSA NOSTRA, ARRESTATO ALLA PERIFERIA DI CALATAFIMI DOMENICA RACCUGLIA ‘IL VETERINARIO’

SCACCO MATTO A COSA NOSTRA, ARRESTATO ALLA PERIFERIA DI CALATAFIMI DOMENICA RACCUGLIA ‘IL VETERINARIO’

[ad#Google Adsense Banner City]

PALERMO, 15 NOV. – La polizia di Stato ha arrestato, nel trapanese, il boss Domenico Raccuglia, originario di Altofonte (Palermo) ricercato da 15 anni.

Raccuglia, 45 anni, si trincerava in un appartamento di via del Cabbasino, alla periferia di Calatafimi (Trapani). Al momento dell’irruzione degli agenti della dda era solo. Il capomafia ha tentato di fuggire dal terrazzo, ma è stato repentinamente bloccato dai poliziotti che avevano circondato tutto l’edificio. Nell’abitazione, che sarebbe stato il suo covo da qualche giorno, sono state trovate diverse pistole.

Il capomafia, conosciuto nell’ambiente come “il veterinario” è un ex ‘delfino’ del boss sanguinario di San Giuseppe Jato – oggi collaboratore di giustizia – Giovanni Brusca, ed è stato già condannato a tre ergastoli (uno per l’omicidio del piccolo Giuseppe Di Matteo), a 20 anni di reclusione per tentativo di omicidio e ad altre pene per associazione mafiosa. Durante la sua latitanza, nonostante i servizi di osservazione disposti nei confronti della moglie, Raccuglia è riuscito a diventare padre per la seconda volta. Il boss era considerato uno degli aspiranti al vertice della mafia palermitana essendo il capo incontrastato delle cosche a Partinico grosso centro fra Palermo e Trapani.

MARONI,ARRESTATO NUMERO 2 COSA NOSTRA “L’arresto di Raccuglia è uno dei colpi più duri inferti alle organizzazioni mafiose negli ultimi anni perché era di fatto il numero due di Cosa Nostra”. Lo afferma il ministro dell’interno Roberto Maroni. Il responsabile del Viminale ha telefonato al Capo della Polizia, prefetto Antonio Manganelli, per congratularsi dell’operazione eseguita dalla Squadra Mobile di Palermo che ha portato all’arresto del boss ricercato da quindici anni, già condannato a diversi ergastoli e inserito nell’elenco dei trenta latitanti più pericolosi.

Redazione
[ad#Google Adsense Banner]

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.