VARESE, LA MASSACRANO A COLTELLATE IN CASA E LE MOZZANO LE MANI. IL QUESTORE: “OMICIDIO PARTICOLARE”

VARESE, LA MASSACRANO A COLTELLATE IN CASA E LE MOZZANO LE MANI. IL QUESTORE: “OMICIDIO PARTICOLARE”

Un omicidio efferato ai danni di una anziana, ritrovata sgozzata e priva di entrambe le mani nella sua abitazione. Forse vittima di una rapina.

VARESE, 6 NOV. – Carla Molinari, tipografa di Varese ormai in pensione, è stata uccisa ferocemente nella sua abitazione di Coquio Trevisago, nel Varesotto, fatta letteralmente a pezzi con un’arma da taglio.

L’allarme era scoppiato ieri sera intorno alle 22 quando una cugina della vittima aveva tentato, inutilmente, di mettersi in contatto con la Molinari. Non ricevendo alcuna risposta, la donna, residente a Gavirate, si era dunque messa in contatto con una vicina di casa dell’ex tipografa perché si accertasse che tutto fosse al suo posto.

Le luci erano ancora accese, ma le serrande alle finestre erano state abbassate in maniera maldestra. I vicini, che erano in possesso di una copia delle chiavi di casa della vittima da utilizzare in casi di emergenza, decidono dunque di entrare. Trovano, superato il vialetto, il portoncino d’ingresso spalancato.

Entrano e ciò che vedono è la scena di un massacro.

Vengono dunque allertati i sanitari del 118, la squadra mobile, i carabinieri e la polizia municipale che setacciano palmo a palmo tutta la zona denominata Sant’Andrea, a meno di 500 metri dalla stazione ferroviaria delle Nord e da un centro commerciale. Si compiono perfino delle perquisizioni all’interno dei cassonetti nel tentativo di riuscire a trovare l’arma del delitto, probabilmente un coltello.

Il procuratore capo Maurizio Grigo, che si occupa del caso, riferisce che si tratta del primo caso in Italia di un delitto che presenti queste modalità ma del secondo al mondo. Negli Stati Uniti, fu commesso un omicidio analogo, anni orsono. “I dettagli che abbiamo – commenta dunque Grigo –  spingono le indagini in una direzione precisa”.

Il fatto più sconcertante di tutti? Al momento le mani della donna non sono ancora state ritrovate. Gliele hanno mozzate e portate via.

Perché? Cosa si nasconde dietro questa misteriosa rapina?

I vicini di casa intanto, raccontano che Carla Molinari era una “persona gentile ed energica che usciva poco e che non aveva mai ricevuto minacce da nessuno”.

Questa mattina, inoltre, intorno alle 10.30 è giunto sul luogo del delitto, la villetta di Via Dante, il questore di Varese, Marcello Cardona, che sulla vicenda ha dichiarato: “Un omicidio dai tratti particolari su cui non si può dire molto, ma sul quale abbiamo già delle idee“.

Redazione

[ad#Google Adsense Banner]

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.