Ma è apparsa la Madonna?

In una San Pietro deserta, da Apocalisse, Francesco ha celebrato la sua benedizione Urbi et Orbi. Momento solenne e di solitudine, di raccoglimento e preghiera. E che preghiera. Una scena che il mondo della cristianità, che il mondo tutto non dimenticherà mai. Perché è un momento storico, questo, in cui ciascuno di noi è protagonista di un tempo oscuro, incerto, buio. L’appello del Papa a Dio è un grido di speranza per chi crede e non: “Non lasciarci in balia della Tempesta” – ha gridato Francesco, il Papa del popolo al servizio del popolo.

La scena è stata, invero, surreale. Il crocifisso, l’altare al centro della Piazza, la maestosità delle stanze vaticane circondate da un ciclo cupo, da una pioggia che quasi sembrava sfidare il portavoce di Cristo in terra. Un confronto col buio, con le tenebre. Con qualche spiraglio di luce, tuttavia, che sul web ha fatto gridare al miracolo. Per molti, infatti, sarebbe apparsa la Madonna, a squarciare la cupezza del cielo e a seminare un raggio di luce nell’incertezza dell’ora più buia. Ma la Madonna è apparsa davvero? 

Non ci sentiamo di dire che siamo nel campo della cosiddetta bufala. E ugualmente ribadiamo il più massimo rispetto per le opinioni altrui, soprattutto dei fedeli, tra i quali la notizia ha suscitato speranze, fiducia, emozione. Ma il nostro mestiere ci obbliga a lavorare con oggettività e dunque siamo giunti alla conclusione che la Madonna è apparsa se lo vuole il soggetto. E cioè che è opinione assolutamente soggettiva che dipende da una serie di varianti. Nel video sottostante, infatti, si può notare una delle angolazioni, ripresa dalla diretta della predica del Papa in Piazza San Pietro. Si è vista o no, l’apparizione della Madonna resta legata al soggetto che vuole interpretare la scena. Chi vi scrive pensa che sia una “apparizione” legata a diversi fattori: angolazione, colori della telecamera, fenomeni naturali quali il passaggio delle nuvole in tempesta. Ma ognuno, ovviamente, in un momento così, è libero di interpretare come meglio crede.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.