Viterbo, pestaggio direttore Filippo Rossi: “Quante storie per uno schiaffone”

Viterbo, pestaggio direttore Filippo Rossi: “Quante storie per uno schiaffone”

VITERBO, 14 LUGLIO – Dopo aver fatto irruzione nella segreteria di “Caffeina”, Gianluca Iannone, leader del movimento di destra, ha colpito al volto il giornalista  de “Il Futurista” Filippo Rossi a causa delle sue dichiarazioni contro il  gruppo neofascista.

SOLO UNO SCHIAFFONE – Iannone, dal canto suo, ha minimizzato l’accaduto, tirando in ballo il manifesto futurista di Filippo Tommaso Martinetti: «Quante storie per uno schiaffone futurista. Da Filippo Rossi, che si ispira a coloro che volevano esaltare “l’insonnia febbrile, il passo di corsa, il salto mortale, lo schiaffo e il pugno”, non ce lo saremmo aspettato».

Per il leader di Casapount quella che si è consumata questa notte non è affatto una missione punitiva, quanto «una discussione tra vecchi amici che amici non sono più, in cui la ricerca di un chiarimento verbale è finita in un gesto di marinettiana memoria, dopo che Rossi, che più volte è venuto a CasaPound a parlare, ha ripetutamente diffamato il nostro movimento in maniera del tutto pretestuosa».

Nell’arringa di Iannone c’è spazio anche per il classico “ferisce più la penna della spada”, in quanto, conclude il neo-fascista, «uno schiaffone può far male, ma un occhio nero passa in fretta. A Rossi voglio dire che altrettanto male possono fare la penna e le parole, ma gli effetti delle ingiurie durano più a lungo».

Gianfranco Fini ha immediatamente espresso la sua solidarietà per Rossi, condannando «la vile aggressione».

CasaPound ha intenzione di partecipare alle elezioni amministrative di Roma, che si terranno nella primavera del 2013.

Giovanni Gaeta
giogaeta@interfree.it

Leave a Reply

Your email address will not be published.